@ Volodymyr Mykhailovskyi/123rf

I trucchi per cuocere sempre uova della consistenza desiderata 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le uova si prestano ad essere cucinate in tanti modi, ad esempio possiamo bollirle, ma c’è a chi piacciono del tutto sode e chi invece preferisce che l’interno rimanga più morbido. Come fare allora ad avere uova della consistenza desiderata?

Cucinare perfettamente le uova è un po’ una piccola scienza. La consistenza più dura o morbida dell’albume e del tuorlo dipende da diversi fattori: il tempo di cottura, le dimensioni delle uova ma anche dalla conservazione (se in frigorifero o a temperatura ambiente).

Se si vuole ottenere una certa consistenza del tuorlo, è fondamentale conoscere il giusto tempo di cottura delle uova. Quando le prepariamo, dunque, muniamoci di un orologio o un timer da far partire nel momento in cui l’acqua bolle e abbiamo inserito le uova.

Se consideriamo un uovo di dimensioni medie (che pesa tra i 53 e i 63 grammi) dovremmo cuocerlo per un certo quantitativo di minuti:

  • Uova alla coque: 3 minuti
  • Uova con albume duro e tuorlo semi liquido: 4 minuti e mezzo
  • Uova con tuorlo morbido: 7 minuti
  • Uova sode (anche il tuorlo è duro): 10 minuti

Se consideriamo un uovo piccolo ci vogliono 30 secondi in meno mentre per uova più grandi aggiungiamo 30 secondi.

Per quanto riguarda invece la conservazione: se l’uovo si trovava in frigorifero potrebbe essere necessario un minuto in più.

Anche l’altitudine a cui ci troviamo potrebbe far variare un po’ il tempo di cottura,  ciò dipende dal punto di ebollizione che cambia a seconda di dove siamo. In montagna, ad esempio, dovremmo cuocere l’uovo per qualche secondo in più.

Altri consigli per cuocere le uova in maniera perfetta:

  • quando l’acqua bolle mettete con cura le uova nel pentolino aiutandovi con un cucchiaio
  • impostate sempre il contaminuti
  • quando il tempo di cottura è terminato, togliete le uova dal pentolino e lasciatele raffreddare sotto l’acqua fredda
  • meglio non usare uova appena tolte dal frigorifero ma lasciarle per un po’ di tempo a temperatura ambiente prima di cuocerle (questo riduce il rischio che il guscio si rompa).

Fonte: Okotest

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook