©heikerau/123rf

Il tè Rooibos diventa la prima DOP africana riconosciuta dall’Unione europea

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Aiuta l’organismo nei momenti in cui deve affrontare uno sforzo, ha proprietà tonificanti se consumato al mattino o durante il giorno e rilassanti se preso prima di andare a dormire: del tè Rooibos e delle sue proprietà abbiamo parlato tante volte e oggi entra a pieno titolo tra i prodotti di Denominazione di origine protetta riconosciuti in Europa. Si tratta della prima denominazione di origine in assoluto del continente africano.

Esattamente come è accaduto per il Parmigiano o lo Champagne, infatti, l’Unione Europea ha così recentemente aggiunto anche il tè Rooibos (Red Bush) nel suo elenco di tutti prodotti che godono di una denominazione d’origine protetta (DOP), il che conferirà al prodotto una precisa protezione legale.

In passato, infatti, ci sono stati tentativi di appropriazione indebita anche del marchio Rooibos: nel 2013, per esempio, una società francese aveva cercato di registrare il marchio “Rooibos” nella cosmetica, sfruttando il fatto che questo tè sia ricco di antiossidanti.

La nuova designazione dell’Unione offrirà ai produttori e agli agricoltori di Rooibos un prezioso vantaggio poiché solo gli infusi prodotti nell’area locale a nord di Città del Capo secondo regole specifiche potranno essere etichettati come “Rooibos”. Questo assicurerà che il tè prodotto in altre zone non possa essere venduto nell’Unione europea con il nome di Rooibos/Red Bush. Anche l’utilizzo evocativo di tale denominazione (per esempio, “Rooibos kind”, “Red Bush type”, “Rooibos style” o “Red Bush imitation”) è proibito.

Il tè Roobois

Cosa rende il tè rosso africano così speciale? Il rooibos è in apparenza molto simile ad un tè qualsiasi. La bevanda si ottiene mettendo in infusione in acqua bollente le foglie di rooibos, che sono state precedentemente essiccate e triturate. La preparazione tradizionale prevede la raccolta di foglie e ramoscelli, che vengono sminuzzati con pestelli di legno, e la loro successiva fermentazione. Dall’infusione si ottiene un liquido dal colore rosso ambrato e dal sapore naturalmente dolce. Per gustare a pieno il rooibos bisognerebbe berlo senza zucchero.

A differenza del tè nero e del tè verde, il rooibos è naturalmente privo di caffeina. Inoltre il suo contenuto di tannini è molto basso e ciò permette alla bevanda di mantenere il proprio sapore dolce anche se non la consumate immediatamente o se la dimenticate in infusione. Il rooibos si caratterizza per la presenza di sostanze naturali importanti per l’organismo, come:

  • vitamina C
  • magnesio
  • fosforo
  • ferro
  • zinco
  • calcio

Il contenuto di sostanze antiossidanti del Rooibos, inoltre, è pari a quello del tè nero e del tè verde. 

Con foglie e gli steli essiccati di Aspalathus linearis ossidati, il Rooibos DOP ha un colore che varia dal marrone chiaro al giallo a un rosso mattone brillante. Si caratterizza per il suo sapore leggermente dolciastro dai sentori di miele, caramello, fruttato, floreale e speziato e,  differenza del tè nero e del tè verde, il rooibos è naturalmente privo di caffeina.

La zona di produzione del Rooibos DOP si estende nella provincia di Western Cape nelle municipalità locali di Bergrivier, Breede Valley, Cape Agulhas, Cederberg, Città del Capo, Drakenstein, Langeberg, Matzikamma, Overstrand, Saldanha Bay, Stellenbosch, Swartland, Swellendam, Theewaterskloof e Witzenberg; nella provincia di Northern Cape la municipalità locale di Hantam, situate in Sudafrica.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook