Caffè o tè? La risposta potrebbe trovarsi nei tuoi geni

Tè e caffè

Preferite un buon caffè o un caldo tè? Potrebbe essere un dibattito acceso, ma gli scienziati conducono tutto alla genetica

Più di 2,25 miliardi di tazze di caffè vengono consumate nel mondo ogni giorno e il tè non è da meno, con 1,42 milioni di chili consumati solo negli States quotidianamente (e gli americani sono in forte ritardo rispetto ad altri paesi, in particolare India e Cina). Insomma, le due bevande sono davvero molto popolari. M voi quale preferite?

Se da un lato c’è, ovviamente, una forte componente culturale nelle preferenze personali, anche la genetica potrebbe avere un ruolo. In sostanza, se qualcuno è un bevitore di caffè o un bevitore di tè potrebbe essere collegato con la presenza o meno di determinati geni chiave che modellano il gusto dei sapori amari.

Se ci pensate, godersi cose amare (proprio come il caffè) sembra un po’ illogico. Dopotutto, la funzione principale del sapore amaro è inviare un segnale che potrebbero esserci alcune sostanze nocive coinvolte – quindi perché ci piace?

Secondo un nuovo studio della Northwestern University in Illinois, in buona sostanza, abbiamo una predisposizione genetica a percepire l’amarezza di particolari sostanze, ciò ci spingerebbe verso una bevanda o l’altra. Secondo i ricercatori, per esempio, i bevitori di caffè associano il gusto amaro al premio successivo di stimolazione che il caffè porta.

Lo studio si aggiunge alla nostra comprensione dei fattori che determinano le preferenze delle bevande – il gusto, in particolare – e perché, tenendo tutti gli altri fattori costanti, vediamo ancora segnato una differenza nella preferenza delle bevande e la quantità che consumiamo”, spiega Marilyn Cornelis, co-autrice della ricerca della ricerca.

Per le indagini, gli studiosi hanno coinvolto due serie di dati. Il primo è stato uno studio sui gemelli che ha dimostrato che, almeno in quelli di origine europea, le varianti genetiche particolari sono legate alla forza della percezione dei diversi gusti: una variante specifica era collegata a valutazioni leggermente più alte di amaro per la caffeina, un’altra a maggiore amarezza per il chinino e un terzo per maggiore amarezza per un farmaco noto come propiltiouracile, o prop.

Il team ha quindi esaminato i dati della Biobanca britannica, che ha reclutato centinaia di migliaia di partecipanti di età compresa tra 37 e 73 tra il 2006 e il 2010 e ha coinvolto la raccolta di dati genetici e informazioni sanitarie, comprese le risposte alla domanda di quante tazze di bevande diverse hanno consumato ogni giorno i partecipanti. Hanno così rilevato che coloro che hanno una maggiore predisposizione genetica a percepire il gusto amaro della caffeina bevevano un po’ più di caffè; di contro, una maggiore percezione dell’amarezza del chinino e del prop era legata a una piccola riduzione del consumo di caffè.

Gli schemi inversi sono stati osservati quando gli studiosi hanno analizzato le varianti genetiche e quanto i partecipanti hanno bevuto il tè.

Mentre l’effetto della percezione sull’assunzione giornaliera di caffè potrebbe essere relativamente piccolo – solo un aumento di 0,15 tazza al giorno – da un normale assaggiatore di caffeina a un forte assaggiatore di caffeina, in realtà c’è il 20% in più di probabilità di diventare un forte bevitore – bevendo più di quattro tazze al giorno”, ha affermato Jue Sheng Ong, primo autore della ricerca.

Dato che gli esseri umani generalmente evitano i sapori amari, interpretiamo questi risultati come un comportamento appreso: se possiamo percepire bene la caffeina, associamo questo con le proprietà psicostimolanti della caffeina e quindi cerchiamo più caffè”, dichiara Cornelis.

Insomma, dal momento che la caffeina contribuisce non solo all’amarezza del caffè, ma anche alla sua forza e consistenza percepita, le persone che sono più brave a rilevare la caffeina possono trovare il caffè più piacevole e saporito. Al contrario, secondo lo studio, le persone che portavano i recettori del gusto amaro per il chinino o PROP bevevano meno caffè e altro tè. Rispetto alla persona media, ogni copia in più del gene del recettore del chinino o del chinino è stata collegata con una probabilità maggiore del 9% o del 4% di essere un bevitore di tè pesante (> 5 tazze di tè al giorno).

Infine, i ricercatori aggiungono che i risultati per il tè potrebbero essere più bassi per il tè contenente concentrazioni più basse di sostanze amare, il che significa che questa bevanda potrebbe rivelarsi più accettabile del caffè a quelli con percezione acuta di amarezza.

I nostri geni del gusto giocano parzialmente un ruolo su cosa beviamo: caffè, tè o alcol. La preferenza per il tè può essere vista come una conseguenza dell’astensione dal caffè, perché i nostri geni potrebbero aver reso il caffè un po’ troppo amaro per i nostri palati da gestire”, concludono.

Allora voi cosa preferite? Tè o caffè?

Leggi anche

Germana Carillo

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

corsi pagamento

seguici su facebook