Sechio: proprietà, valori nutrizionali e come mangiare la zucca spinosa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Avete mai sentito parlare del sechio? Si tratta di un ortaggio (in realtà un frutto) che assomiglia ad una zucca spinosa e di cui esistono diverse varietà. Scopriamo le proprietà di questo alimento esotico, i valori nutrizionali e come utilizzarlo in cucina.

Tanti i nomi popolari del sechio (Sechium edule): zucca centenaria, melanzana, zucchina o patata spinosa e addirittura lingua di lupo. Si fa riferimento in realtà ad una sola pianta che appartiene alla famiglia delle cucurbitacee ed è originaria del centro America dove questo alimento molto popolare è conosciuto come chayote.

Viene comunemente utilizzato come verdura, ma, al pari della zucchina, si tratta del frutto di un ortaggio dalla caratteristica forma ovoidale e che può raggiungere i 15 cm di lunghezza. Il colore della buccia è variabile, dal verde scuro al giallo.

Proprietà del sechio

Il sechio offre interessanti proprietà a chi lo consuma più o meno regolarmente. Nella medicina popolare del centro America era utilizzato in particolare per i suoi effetti diuretici, antinfiammatori e per regolare la pressione.

Possiamo riassumere così i principali benefici del chayote:

  • Ricco di vitamine e sali minerali: questo ortaggio è ricco in particolare di vitamina C ma contiene anche altre sostanze utili al nostro organismo tra cui diversi aminoacidi.
  • Diuretico: in quanto ricchissimo d’acqua, il sechio ha un buon effetto diuretico sul nostro organismo
  • Benefico per i reni: consumare sechio può aiutarci a tenere in buona salute i reni, prevenendo i calcoli ma anche favorendo lo scioglimento di alcuni già eventualmente esistenti.
  • Previene l’ipertensione: questa verdura, grazie alla presenza di alcuni minerali e sostanze antiossidanti, sembrerebbe in grado di aiutare a tenere a bada la pressione.
  • Tiene a bada il colesterolo: povero di grassi e ricco di sostanze benefiche per il sistema circolatorio, il sechio è utile ad evitare accumulo di colesterolo cattivo e a prevenire l’arteriosclerosi.
  • Ottimo in gravidanza: si tratta di un prodotto naturale molto ricco in acido folico, il suo consumo è dunque consigliato anche in gravidanza.
secho pianta

Sechio, valori nutrizionali

100 grammi di sechio apportano al nostro organismo circa 19 calorie mentre per quanto riguarda il contenuto di grassi, carboidrati, fibre, sali minerali e vitamine fate riferimento alla seguente tabella:

  • Grassi 0,1 g
  • Acidi grassi saturi 0 g
  • Acidi grassi polinsaturi 0,1 g
  • Acidi grassi monoinsaturi 0 g
  • Colesterolo 0 mg
  • Sodio 2 mg
  • Potassio 125 mg
  • Carboidrati 4,5 g
  • Fibra alimentare 1,7 g
  • Zucchero 1,7 g
  • Proteine 0,8 g
  • Vitamina A 0 IU
  • Vitamina C 7,7 mg
  • Calcio 17 mg
  • Ferro 0,3 mg
  • Vitamina D 0 IU
  • Vitamina B6 0,1 mg
  • Cobalamina 0 µg
  • Magnesio 12 mg
sechio

Sechio, usi e come mangiarlo

Il Sechio può essere mangiato crudo o cotto. Per prima cosa va lavato e poi spelato indossando dei guanti (vista la presenza di spine), soprattutto se si tratta di un sechio più grande di 6 centimetri. Poi vanno tolti i semi (c’è anche chi li mangia dato che sono commestibili ma hanno un sapore un po’ particolare che ricorda la nocciola e non sono adatti a tutte le ricette) e tagliato a seconda della preparazione in cui si intende utilizzarlo.

Quelli piccoli, più delicati e gustosi si possono consumare anche crudi ad esempio nell’insalata. In generale comunque questo alimento ben si presta alla realizzazione di:

  • minestroni
  • zuppe
  • stufati
  • insalatone
  • torte dolci e salate
  • ripieni

sechio cucina

In tutti i casi in cui il sechio si utilizza cotto, va tagliato a pezzettini e messo insieme agli altri ingredienti solo a fine cottura in modo che non perda la sua consistenza e che non si mischi troppo il sapore con quello degli altri alimenti.

Sia crudo che cotto al vapore, può essere poi semplicemente gustato così com’è, con un condimento a base di olio extravergine d’oliva e limone. Altre opzioni sono quelle di consumarlo fritto in pastella, saltato in padella oppure accompagnato da burro, formaggi, erbe aromatiche o salse. Ricordate che il suo sapore è un mix tra quello delle zucchine e della zucca gialla (ma meno dolce).

Tenete presente anche che i germogli e le foglie di questo frutto sono commestibili e si possono ad esempio aggiungere alle insalate.

Ricordatevi infine che la parte del sechio che non consumate subito, va conservata in frigo, meglio se in un contenitore. In questo modo resisterà diversi giorni.

sechio usi

Come scegliere il Sechio e dove trovarlo

Esistono diverse varietà di Sechio che si distinguono per il colore e il sapore. Per sceglierlo al meglio dobbiamo fare attenzione che abbia le seguenti caratteristiche:

  • consistenza soda (non deve essere molle o ammaccato)
  • colore uniforme meglio se verde chiaro (quando i colori in uno stesso ortaggio variano è probabilmente troppo maturo)
  • piccolo (meglio un sechio piccolo che è di sapore più gustoso)

Difficile trovare il Sechio nei tradizionali supermercati o al mercato. Meglio dirigersi allora direttamente verso gli alimentari che commerciano cibo esotico, nei banchi multnietnici o infine online. Altrimenti potete pensare di coltivarlo nell’orto o nel balcone essendo una pianta che ben si adatta ai nostri climi.

Avete mai assaggiato la zucchina spinosa?

Scopri altri alimenti insoliti o esotici leggendo anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook