Cacciatori mangiano salsicce crude di cinghiale e contraggono la trichinellosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Prima hanno cacciato e ucciso cinghiali. Poi ne hanno macellato le carni e mangiato salsicce crude. È così che hanno contratto la trichinellosi, malattia causata da un parassita che può infestare le carni di alcuni animali, come suini, equini o volpi, e passare all’uomo, provocando diarrea, dolori muscolari, sudorazione, febbre, fotofobia. È quanto accaduto a 26 persone residenti nell’Alta Valle del Serchio, in provincia di Lucca.

Dopo la segnalazione di disturbi da parte dei cacciatori e dei loro familiari, è stato necessario l’intervento dei sanitari dell’Asl di Lucca, che hanno dato il via alla profilassi antiparassitaria e circoscritto rapidamente il focolaio epidemico. “Si tratta di una patologia rara – si legge in una nota – ma presente in tutto il mondo e anche in Italia. Proprio per la sua rarità e per sintomi che possono risultare simili a quelli di altre patologie, non è di facile riconoscimento. Gli ultimi casi in Italia risalgono al 2011 in Sardegna, mentre in Toscana non se ne registravano da 20 anni”.

Il rischio per l’uomo deriva proprio dall’assunzione di carni crude o poco cotte infette dal parassita. Se, però, come prevede la legge, il diaframma di tutti gli animali cacciati venisse sottoposto agli accertamenti dei veterinari dei macelli o dell’istituto zooprofilattico, non ci sarebbe alcun pericolo. Controlli e cottura sono quindi fondamentali, anche perché quando la malattia colpisce l’uomo con cisti che invadono tutti i muscoli non si può curare. E nei casi più gravi può portare alla morte.

Ma gli infettati in questione sono stati fortunati. La macchina che si è messa in moto dopo la comparsa dei primi casi “ha permesso di circoscrivere il fenomeno e di effettuare tutte le necessarie operazioni legate alla prevenzione, grazie all’impegno degli operatori della veterinaria e dell’igiene degli alimenti. È bene ricordare – concludono gli operatori- che è possibile evitare questa malattia tramite la cottura delle carni o con il congelamento a -15 gradi centigradi per 20 giorni o a -30 per 6 giorni. In questa maniera vengono distrutte le larve e si impedisce l’insorgere della malattia“. La caccia, insomma, è una attività pericolosa anche per i cacciatori stessi. E le “punizioni divine” sembrano essere sempre in agguato.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Cinghiali per le strade di Firenze

Intossicazioni alimentari: come proteggersi dalle malattie portate dai cibi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook