Pizza napoletana patrimonio dell’umanità: all’Unesco arrivano 200mila firme (#pizzaUnesco)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

200mila sono le firme consegnate ieri all’Unesco per la petizione: “Proteggiamo il made in Italy: la pizza come patrimonio Unesco”, #pizzaUnesco.

Con essa, si chiede all’Unione europea di tutelare la pizza partenopea, o meglio “l’Arte della Pizza”, come bene dell’umanità e di sostenere la sua candidatura come bene immateriale.

La petizione per chiedere l’inserimento dell’Arte della Pizza nella “Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’umanità” fu lanciata da Alfonso Pecoraro Scanio su Change.org, con il sostegno della Coldiretti, dell’Associazione Pizzaiuoli Napoletani e di Rossopomodoro e le prime 200mila firme raccolte sono state consegnate al Presidente della Commissione Italiana Unesco Giovanni Puglisi, presso la sede Unesco di Roma in piazza.

Il riconoscimento dell’Unesco ha un valore straordinario per l’Italia che è il Paese dove più radicata è la cultura alimentare e la pizza rappresenta un simbolo dell’identità nazionale“, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo. E non solo: con il riconoscimento si riuscirebbe probabilmente anche a garantire l’origine nazionale degli ingredienti e le modalità di lavorazione.

Un rischio diffuso soprattutto all’estero e un’occasione per fare chiarezza anche in Italia dove secondo un’analisi della Coldiretti quasi due pizze su tre (il 63%) sono ottenute da un mix di farina, pomodoro, mozzarelle e olio provenienti da migliaia di chilometri di distanza senza alcuna indicazione per i consumatori.

Troppo spesso – conclude Moncalvo – viene servito un prodotto preparato con mozzarelle ottenute non dal latte, ma da semilavorati industriali, le cosiddette cagliate, provenienti dall’est Europa, pomodoro cinese o americano invece di quello nostrano, olio di oliva tunisino e spagnolo o addirittura olio di semi al posto dell’extravergine italiano e farina francese, tedesca o ucraina che sostituisce quella ottenuta dal grano nazionale“.

Il prossimo step è ora arrivare al prossimo mese di marzo alla formalizzazione della pratica della candidatura dell'”Arte della pizza”, tra l’altro ferma dal marzo 2011, al Comitato Intergovernativo dell’UNESCO.

La raccolta firme continua anche nel mese di febbraio nei punti di raccolta e sul sito di Change.org:
https://www.change.org/p/proteggiamo-il-made-in-italy-la-pizza-come-patrimonio-unesco

Germana Carillo

LEGGI anche:

La pizza napoletana bene dell’umanità, la petizione all’Unesco (#pizzaUnesco)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook