Nutella: stop alla produzione nella più grande fabbrica al mondo. A rischio la qualità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Ferrero ha annunciato di aver sospeso la produzione di Nutella nella più grande delle sue fabbriche, quella di Villers-Ecales in Normandia. Qual è il problema? Sono state riscontrate non meglio specificate anomalie nel livello di qualità del prodotto.

Dalla fabbrica francese di Villers Ecalers sembra escano ogni giorno ben 600mila barattoli di Nutella (un quarto della produzione mondiale) e proprio in questa fabbrica la Ferrero ha dovuto, per precauzione, ordinare uno stop temporaneo alla produzione.

Alla base del provvedimento vi è “un problema di qualità” che è stato rilevato nei giorni scorsi dai controlli effettuati dalla Ferrero stessa. Come l’azienda ha spiegato in una nota sul sito francese.

“Martedì sera alle 18 la lettura dei risultati di controllo di qualità su uno dei prodotti semifiniti della linea che produce Nutella e Kinder Bueno ha rivelato un difetto che non coincide con i nostri standard di qualità e per questo abbiamo temporaneamente fermato le macchine”.

Non si sa ancora come mai si siano riscontrati problemi sulla qualità del prodotto e l’azienda ha chiuso per precauzione la fabbrica proprio perché intende indagare sull’accaduto e risolvere il problema prima di riprendere regolarmente la produzione.

Alla domanda se si trattasse di un problema batteriologico, la Ferrero in Francia ha dichiarato che non era in grado di rispondere e che appunto tutto verrà chiarito a breve dalle indagini in corso i cui risultati saranno noti entro la fine della settimana.

Non vi saranno però ripercussioni in alcun modo per i consumatori che possono star tranquilli: continueranno a trovare la Nutella regolarmente sugli scaffali e senza alcun rischio o variazione nella qualità del prodotto.

L’azienda ha infatti rassicurato che non vi sono pericoli per i prodotti già presenti sul mercato e che questo temporaneo stop non andrà ad influire sulle forniture di Nutella in giro per il mondo.

Noi come sempre vi consigliamo di verificare e preferire soluzioni con meno zuccheri e maggiore quantità di ingredienti come cacao e nocciole. Meglio ancora preparare in casa la propria crema spalmabile, se non l’avete ancora fatto potete provare la nostra ricetta.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook