Da Napoli arriva lo zucchero biotech a zero calorie e super dolcificante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Uno zucchero prodotto con le biotecnologie: un super dolcificante proteico creato ad hoc che non ha nemmeno il briciolo di una caloria.

Dopo lo stevia e mille altre alternative dolci e naturali, è sempre più chiaro che lo zucchero bianco (il saccarosio) rimarrà l’ultima scelta. E poco male se si considera che se è così bianco è perché subisce un bel po’ di processi: viene depurato con calce, trattato con anidride carbonica, acido solforoso, cotto, raffreddato, cristallizzato, centrifugato, filtrato, decolorato con carbone animale e colorato con coloranti (alcuni dei quali derivanti da catrame e cancerogeni). Vi basta?

E ora, la nuova start-up partenopea iSweetch, creata da alcuni ricercatori dell’Università di Napoli, ha messo a punto un dolcificante biotech tremila volte più dolce dello zucchero, ma con zero calorie.

Gli studiosi si sono rifatti a una proteina contenuta in un arbusto africano: “Per il nostro dolcificante – spiega la ricercatrice Serena Leone di iSweetch – ci siamo ispirati ad una proteina dolce presente in natura, la monellina, che mezzo secolo fa è stata scoperta nelle bacche di un arbusto selvatico africano dai ricercatori del Monell Chemical Senses Center di Philadelphia, l’istituto da cui ha preso il nome“.

La monellina ha la caratteristica di avere un super potere dolcificante, ma è però molto complicato estrarla. Inoltre, si presenta instabile alle alte temperature, per cui è praticamente impossibile usarla per edulcorare un caffè così come un prodotto da forno.

I ricercatori di Napoli hanno allora lievemente la struttura molecolare della proteina sfruttando un processo di fermentazione portato avanti da batteri geneticamente modificati che mangiano scarti alimentari. In questo modo, la monellina è diventata stabile anche a 100 gradi e perfino più dolce: “un grammo ha lo stesso potere dolcificante di tre chili di zucchero“.

Per ora, l’obiettivo della start-up è quello di perfezionare il prodotto per renderlo disponibile nel giro di pochi anni alle industrie alimentari e farmaceutiche. Siamo proprio curiosi!

Germana Carillo

LEGGI anche:

Zucchero raffinato: 10 motivi scientificamente provati per limitarne il consumo

Zucchero: cibo killer per il cuore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook