Mangiare insetti rende più intelligenti?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’ingegno necessario per sopravvivere con una dieta a base di insetti sfuggenti e difficili da raggiungere è stato un fattore chiave per lo sviluppo delle capacità tipicamente umane nei nostri antenati e in altri primati, compreso lo sviluppo di cervelli più grandi e di funzioni cognitive di alto livello. Gli insetti stessi potrebbero aver contribuito a costruire il nostro cervello.

È quanto emerge da una ricerca della Washington University in St. Louis, pubblicato sul Journal of Human Evolution, la prima a fornire prove dettagliate su come i cambiamenti stagionali nelle forniture alimentari hanno influenzato i modelli di foraggiamento delle scimmie cappuccine selvatiche.

“Da tempo è stata riconosciuta l’importanza delle sfide associate alla ricerca del cibo nel plasmare l’evoluzione del cervello e le capacità cognitive nei primati, compreso l’uomo. Il nostro lavoro suggerisce che cercare gli insetti quando il cibo era scarso può aver contribuito all’evoluzione cognitiva degli ominidi”, ha detto Amanda D. Melin, autore principale dello studio quinquennale sulle scimmie cappuccine in Costa Rica.

La ricerca fornisce un ulteriore supporto alla teoria evolutiva che lega lo sviluppo di competenze come l’aumento della destrezza manuale, l’uso di utensili e un innovativo problem solving, alla sfide legate a una dieta a base di insetti e altri alimenti sepolti, incorporati o comunque difficili da procurarsi. Altre ricerche isotopiche suggeriscono che la dieta dei nostri antenati includesse una gamma di alimenti estraibili, come termiti, radici e tuberi.

Le scimmie cappuccine sono ottimi modelli per l’esame dell’evoluzione della dimensione del cervello e dell’intelligenza, nonostante le piccole dimensioni del corpo, hanno cervelli impressionantemente grandi. Avere accesso a insetti nascosti e ben protetti che vivono nei rami degli alberi e sotto la corteccia è un compito cognitivamente impegnativo, ma offre una ricompensa di alta qualità: grassi e proteine, che sono necessari per alimentare grandi cervelli“, conclude la ricercatrice.

Per leggere lo studio completo, clicca qui

Roberta Ragni

Leggi anche:

Insetti: anche i vegani dovrebbero mangiarli?

Combattere la fame nel mondo mangiando gli insetti

Mangiare insetti per salvare il pianeta

Lepsis: il terrario per allevare insetti commestibili a casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook