False lenticchie di Altamura: provenivano da Cina ed Egitto! Sequestrate 20 tonnellate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Erano spacciati per legumi italiani, ma in realtà provenivano dalla Cina e dall’Egitto. La Guardia di Finanza di Torino ha sequestrato oltre 20 tonnellate di alimenti. Taroccate anche le famose lenticchie di Altamura, in realtà prodotte all’estero.

Dopo mesi di indagini, i baschi verdi del Comando Provinciale Torino hanno portato alla luce una vera e propria organizzazione criminale che importava prodotti dall’estero destinati al mercato nazionale. Legumi, lenticchie e cereali, una volta giunti in Italia, venivano confezionati ed etichettati come prodotti nostrani.

Canada, Cina, Argentina e Egitto erano i luoghi di provenienza delle lenticchie, dei ceci, dei fagioli e anche delle Arachidi che, senza alcun processo industriale di trasformazione “sostanziale”, venivano poi immessi in commercio con l’indicazione di prodotto italiano e con il simbolo del tricolore sugli imballi.

Nei giorni scorsi, a Torino i finanzieri hanno eseguito una quindicina di perquisizioni nei quartieri di Porta Palazzo, Barriera Milano e San Salvario dove sono stati sequestrati oltre una tonnellata tra farine e legumi di provenienza estera ma spacciata per “Made in Italy”.

Ed è proprio nel quartiere torinese di Porta Palazzo che sono nate le indagini che hanno permesso di smantellare l’intera organizzazione che operava all’interno di una macelleria gestita da tre imprenditori di etnia marocchina.

Sono state sequestrate oltre alle 20 tonnellate di alimenti, macchinari e attrezzature industriali utilizzate per la lavorazione e denunciate 24 persone.

I finanzieri sono riusciti a bloccare qualcosa come 40.000 confezioni pre-imballate pronte per l’immissione in commercio sulle quali sono stati apposti i sigilli, in previsione di altre 150.000 unità da confezionarsi

“con imballi riportanti segni e claims mendaci ad Altamura (BA) dove i Finanzieri della locale Compagnia hanno sequestrato 3 tonnellate di alimenti ed un ingente quantitativo di materiale destinato ad ulteriore confezionamento” si legge nel comunicato ufficiale rilasciato dalla Guardia di Finanza.

In tutto, la frode commerciale sarebbe stata pari a un milione di euro.

Le false lenticchie di Altamura

Oltre al fatto già grave di aver etichettato come italiani una serie di alimenti prodotti all’estero, a destare sgomento sono state soprattutto le false lenticchie di Altamura, che hanno violato anche la tutela specifica per i prodotti disciplinati dall’Indicazione Geografica Tipica. Quest’ultima infatti prevede una specifica e rigorosa coltivazione sul territorio pugliese, in seno alla quale gli operatori devino attenersi ad appositi disciplinari che in altre zone del mondo vengono disattesi.

Purtroppo non sono ancora state rese note le marche dei prodotti coinvolti ma qualora saranno pubblicate vi terremo aggiornati.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook