Il primo take away biologico d’Italia è firmato Almaverde Bio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La vostra vita lavorativa vi costringe a pranzare sempre fuori casa? E magari ad accontentarvi degli improbabili panini del bar? Da oggi avrete un’alternativa! Il marchio del biologico Almaverde bio ha infatti deciso di lanciare un nuovo servizio, che consegna a domicilio o sul posto di lavoro un pasto fresco, naturale, biologico e salutare, a base di insalata, cracker e frutta, al costo di 7 euro, incluse le spese di consegna.

Al momento si tratta di un progetto pilota, che partirà proprio in questi giorni da Cesena per poi espandersi in altre città del nord, ed è un servizio dedicato a tutti coloro che vogliono fare una pausa pranzo fuori casa senza per questo accontentarsi dei soliti cibi, spesso ricchi di grassi.

I consumatori dovranno solo telefonare ai centri di distribuzione del take away Almaverde Bio e attendere la consegna in ufficio.

Il consumo fuori casa – dichiara Renzo Piraccini, Presidente di Almaverde Bio Italia Società Consortile- è diventato oggi una necessità legata ai ritmi quotidiani sempre più accelerati. Abbiamo pensato di offrire un servizio di alta qualità che riesce a coniugare una scelta alimentare sana e sicura e il risparmio di tempo. È un’idea – ha continuato Piraccini – assolutamente innovativa che nasce, non a caso, a Cesena dove 98 anni fa Aldo Casali, titolare dell’omonimo ristorante, lanciava il Cestino da Viaggio, una geniale intuizione che offriva un pasto completo ai viaggiatori sui treni. Oggi la rivoluzionaria intuizione di Casali si reinventa, sempre a Cesena, con il cestino Almaverde Bio”.

Entusiasta anche Paolo Pari, Direttore di Almaverde Bio: “Questi prodotti pronti – ha detto – sono già stati inseriti con successo nella moderna distribuzione, ora vogliamo testare il settore dei bar e della ristorazione veloce, che sono in fortissima crescita. Se l’iniziativa avrà successo siamo intenzionati ad allargarla, a partire da Settembre”.

Il progetto take away – ha concluso Ernesto Fornari, Direttore di Canova – è possibile grazie alle esperienze fatte dal nostro gruppo negli ultimi due anni, Frutta nelle scuole in particolare, che ci hanno consentito di metter a punto una logistica distributiva anche per piccoli volumi”.

Pronti per la vostra pausa pranzo a tutto Bio?

Verdiana Amorosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook