Funghi porcini secchi: quelli italiani sono più radioattivi di quelli giapponesi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I funghi porcini secchi italiani sono più ‘radioattivi’ di quelli giapponesi. Una notizia shock quella diffusa via Twitter dal blog Ex-Skf e riportata in Italia da Blogeko.

Il nuovo studio è stato realizzato dallo scenziato giapponese Tomynyo, che ha analizzato il livello di radioattività di svariati alimenti e prodotti all’indomani dell’incidente nucleare di Fukushima, soprattutto nell’area di Yokohama City, dove in generale sono stati trovati elevati livelli di cesio radioattivo nei germogli di bambù e nei funghi serviti alle mense degli asili.

Tuttavia, il suo ultimo tweet non riguarda affatto il rischio contaminazione dei funghi giapponesi, ma di quelli italiani.

Spiega il ricercatore che mettendo a confronto i funghi giapponesi e quelli italiani, questi ultimi presentavano livelli più elevati di cesio radioattivo: “Abbiamo misurato 6 campioni di funghi porcini secchi italiani, e in tutti i campioni è stato trovato cesio-137. Il massimo è stato 170,3 ± 18.0Bq/kg, il minimo è stato di 31,6 ± 6.2Bq/kg. I funghi secchi in vendita al supermercato sono quasi tutti cresciuti a Kyushu, quindi pensiamo che questi funghi italiani siano più contaminati rispetto ai funghi giapponesi secchi che si possono acquistare in un supermercato”.

Tuttavia, spiega l’esperto, se i porcini vengono reidratati, la densità di cesio radioattivo si riduce di un quarto: “Dobbiamo riconoscere che forse abbiamo iniziato a mangiare cibo contaminato anche prima dell’11 marzo 2011” conclude. Su questo non ci sono dubbi. Chernobyl ha lasciato una pesante eredità all’Europa, non ultimi i cinghiali radioattivi in Piemonte.

Tuttavia, spiega Blogeko, che nel 2005 il Laboratorio cantonale del Ticino analizzò campioni di funghi freschi e secchi provenienti da alcuni paesi tra cui Bulgaria, Cina, Italia, Spagna, Sud Africa, Romania, Russia ed Ucraina. Allora, il campione più contaminato conteneva 49 Becquerel di Cesio 137 al chilo: “I porcini secchi italiani analizzati ora in Giappone arrivano ad essere circa 3,5 volte più radioattivi rispetto a quel valore massimo (oltretutto non necessariamente italiano) rilevato otto anni fa“.

Come mai? Possibile che la colpa sia ‘solo’ di Fukushima? Tuttavia, l’Unione Europea considera sicuri gli alimenti che contengono fino a 1.250 Becquerel di Cesio 137 al chilo. Falso allarme?

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Cancro: dai funghi nuovi enzimi per contrastare i tumori

Funghi: proprietà benefiche e caratteristiche

Cinghiali radioattivi: in Valsesia trovati 27 capi contaminati dal cesio 137

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook