Corbezzolo: tutte le straordinarie proprietà e gli usi del frutto autunnale dimenticato

Tra i frutti autunnali dimenticati un posto di primo piano occupa il corbezzolo che assomiglia ad una bacca di colore arancione/rosso. Ad essere interessante non è solo il frutto ma tutta la pianta in sé, dotata di diverse proprietà che la rendono un buon rimedio naturale soprattutto in caso di cistite e diarrea.

Il corbezzolo (Arbutus unedo) è un arbusto tipico della macchia mediterranea che fa parte della famiglia  delle Ericaceae (la stessa del mirtillo). Produce frutti piccoli e tondi che si caratterizzano per il loro colore arancione o rosso acceso (quando ben maturi) e per la particolare consistenza, più dura all’esterno con le caratteristiche piccole escrescenze acuminate e più morbida e granulosa all’interno.

Forse non li avrete mai assaggiati (e neppure visti al mercato) ma è un vero peccato. Si tratta infatti, purtroppo, di un frutto poco conosciuto e spesso difficile da trovare anche se, soprattutto in autunno, stagione in cui matura, sarebbe da portare più spesso in tavola per le sue interessanti proprietà.

corbezzolo-interno

Corbezzolo, calorie e valori nutrizionali

100 grammi di corbezzoli apportano circa 76 calorie e contengono:

  • 0,8 g di proteine
  • 11 g di zuccheri
  • 8 mg di vitamina C

Proprietà del Corbezzolo

Il frutto del corbezzolo offre diversi benefici ma anche foglie, fiori e radici sono dotate di interessanti proprietà officinali. Si tratta quindi di una pianta che nel complesso risulta essere un buon rimedio naturale in diverse occasioni.

Questi i principali benefici che offre:

  • Vitamine e antiossidanti: il corbezzolo ci regala una buona dose di vitamine e antiossidanti naturali.
  • Anti-infiammatorio: la sua composizione nutrizionale fa di questo frutto, e in generale della pianta, un buon rimedio antinfiammatorio soprattutto per l’intestino e il fegato.
  • Diuretico: il frutto, ma anche soprattutto l’infuso a base di foglie di corbezzolo, ha un grande potere diuretico utile quindi per eliminare i liquidi in eccesso e drenare l’organismo.
  • Contro la cistite e le infiammazioni alle vie urinarie: non tanto il frutto quanto le foglie del corbezzolo sono utilizzate in erboristeria per realizzare rimedi adatti a contrastare la cistite. Si può usare solo o in combinazione con altre piante come ad esempio l’uva ursina.
  • Astringente e antidiarroico: questo frutto, così come gli estratti della pianta del corbezzolo, hanno potere astringente. E’ dunque consigliato in caso di diarrea.
  • Aiuta il fegato: soprattutto le foglie del corbezzolo sostengono il lavoro di fegato e bile.
  • Abbassa la pressione: il corbezzolo può aiutare a regolare la pressione sanguigna nei casi in cui questa sia eccessivamente alta. L’infuso a base di questa pianta aiuta anche a migliorare la circolazione.
  • Balsamico e antisettico: ad avere queste proprietà è in particolare il miele di corbezzolo, che le api producono proprio a partire da questa pianta.

corbezzoli

corbezzolo-usi

Usi del Corbezzolo

Il corbezzolo si presta a diverse preparazioni in cucina ma i frutti maturi possono essere usati anche semplicemente all’interno di macedonie, per guarnire dessert, yogurt, gelati o così come sono per un ottimo spuntino autunnale. Si mangiano freschi, quando sono giunti a maturazione e hanno raggiunto un colore rosso intenso, ciò avviene tra fine ottobre e dicembre.

Una delle ricette più note è sicuramente quella per preparare la confettura a partire dal frutto.

Confettura di Corbezzolo

Per questa ricetta vi occorreranno:

  • 1 kg di polpa di corbezzoli maturi
  • 350-700 g di zucchero di canna (a seconda che la vogliate più o meno dolce)
  • Scorza di un limone non trattato
  • 1 bicchiere di acqua

Preparazione

Lavate i frutti e metteteli in una pentola capiente che farete cuocere a fuoco lento per circa 20 minuti. Passateli al setaccio e poi aggiungete scorza di limone grattugiata e acqua. Rimettete tutto sul fuoco e mescolate di tanto in tanto fino a quando non otterrete un composto denso. Non vi resta che mettere nei barattoli (precedentemente sterilizzati) la vostra marmellata di corbezzoli.

marmellata-corbezzolo

Con questo frutto autunnale si può preparare anche un aceto aromatizzato (QUI trovate una ricetta da sperimentare)  oltre che sciroppi e liquori.

Come già detto sopra, esiste anche il miele di corbezzolo, prodotto raro (difficile infatti che le api producano miele a fine autunno) che vanta interessanti proprietà e che può essere utilizzato al pari di un rimedio naturale. Una recente ricerca ha anche mostrato le sue potenzialità anticancerogene in particolare nei confronti del tumore al colon.

miele_corbezzolo

Tisana di corbezzolo

Questo frutto è un buon rimedio naturale anche sotto forma di infuso. Vi abbiamo già segnalato la possibilità di preparare una tisana di corbezzolo a partire però dai fiori secchi della pianta e non dal frutto. Si tratta di un ottimo sistema naturale per fronteggiare influenza e stati febbrili ma anche utile in caso di diarrea. 

Per prepararla vi occorreranno:

  • 5 grammi di fiori di corbezzolo
  • 250 millilitri d’acqua

Mettete i fiori nell’acqua calda lasciando riposare il tutto per 15 minuti prima di filtrare e bere. La tisana al corbezzolo può essere assunta una o due volte al giorno a seconda delle necessità.

Una variante prevede l’utilizzo delle foglie secche della pianta. In questo caso vi occorreranno:

  • 7 gr di foglie di corbezzolo
  • 250 millilitri d’acqua

La preparazione è la stessa.

corbezzoli-raccolti

Corbezzolo in cosmesi

Il corbezzolo si utilizza anche in cosmesi per le sue proprietà antiossidanti oltre che per la capacità di schiarire le macchie della pelle grazie al suo contenuto in arbutina.

Tenete presente che l’infuso realizzato dalle foglie, viste le sue doti astringenti, può essere utilizzato come tonico per il viso.

Controindicazioni del corbezzolo

Si sconsiglia di utilizzare il frutto (o i rimedi naturali a base di corbezzolo) in maniera eccessiva, soprattutto se si soffre di stipsi o si assumono farmaci con i quali potrebbe interferire.

Vi è poi il problema degli alcaloidi che contiene la pianta che possono creare disturbi più o meno gravi all’apparato digerente (dipende dalla sensibilità della persona). Altro motivo per limitarne il consumo.

Curiosità sul corbezzolo

Sapete che il corbezzolo viene chiamato la pianta di Garibaldi? Il motivo è molto semplice e risiede nei bellissimi colori di questa pianta: foglie verdi, fiori bianchi, frutti rossi! Vi ricorda qualcosa? Sono i colori della bandiera italiana!

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook