Fish dependence day: l’Italia ha già esaurito l’equivalente del consumo annuale di pesce

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Italia e Portogallo hanno esaurito l’equivalente di consumo annuale, per questo la domanda di pesce verrà soddisfatta solo con l’importazione. È quanto segnala il Wwf che parla di una vera e propria crisi del settore ittico.

Secondo il WWF, infatti, due terzi del mercato interno di pesce provengono da prodotti importati, metà dei quali solo da paesi in via di sviluppo. In pratica, le scorte ittiche nazionali sono esaurite e per soddisfare la richiesta di pesci e frutti di mare, fino a fine 2017 si dovrà passare all’import.

Un segnale indicativo del fatto che Italia e Portogallo, consumano molto più pesce rispetto a quanto si possa pescare nelle acque nazionali.

Secondo WWF, che riporta dati Fao:

“Con un consumo medio di pesce di 53,8 kg pro capite all’anno, il Portogallo si classifica primo in Europa seguito da Lituania(43,6 kg), Spagna (42,4 kg), Finlandia (36,4 kg) e Francia (33,5 kg). Questi 5 paesi hanno il più alto tasso di consumo pro capite nella UE e da soli rappresentano circa un terzo del consumo di pesce in tutta l’Europa. In media, ogni cittadino europeo consuma 22,5 kg di prodotti ittici all’anno”.

I paesi che riescono a consumare lo stesso quantitativo del pescato sono, secondo New Economics Foundation (NEF), i cosiddetti paesi autonomi, come Danimarca, Estonia e Irlanda, mentre la stragrande maggioranza dipende dalle importazioni.

LEGGI anche: LA FRODE DEL PESCE FRESCO: COSA CI RIVELANO LE TELECAMERE NASCOSTE AL MERCATO (VIDEO)

“Sembra oramai inarrestabile la dipendenza del mercato italiano dalle importazioni di prodotti ittici. In Italia, negli ultimi anni siamo passati dai 16 ai 25 kg di consumo procapite. Tre quarti del pesce consumato in Europa, Italia compresa è di origine selvatica , il resto di allevamento”, spiega in una nota Donatella Bianchi, presidente di WWF Italia.

Cosa puoi fare tu

Sicuramente dalle scelte alimentari di ognuno dipende la sopravvivenza del settore ittico locale e non solo. La responsabilità è chiaramente in mano a tutti noi consumatori. Ogni anno il fish dependence day anticipa di settimane. La prossima data simbolo sarà il 6 luglio, Giorno di Dipendenza dell’Europa: da quel momento tutto il continente avrà ‘esaurito’ l’equivalente dell’intera produzione europea annua.

Anche se alcuni stock ittici europei si sono stabilizzati, grazie ad alcune misure adottate nell’ambito della Politica Comune Europea della Pesca, ci sono ancora, secondo la Commissione Europea, il 48% degli stock ittici in Atlantico sovrasfruttati, una cifra che sale al 93% nel Mediterraneo.

Al fine di sensibilizzare i consumatori, il WWF ha lanciato il progetto #fishforward per informare sugli impatti sociali e ambientali del consumo di pesce di mare.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook