Cioccolato: qual è il suo impatto ambientale?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Arriva Pasqua e consumeremo molto cioccolato. Molti però non conoscono l’impatto ambientale di questo ingrediente tanto amato. Un recente studio ha voluto valutarlo e purtroppo i risultati non sono molto incoraggianti.

La cioccolata è tra gli alimenti più amati da grandi e bambini e sempre presente nelle giornate di festa. Il più delle volte però non ci pensiamo: il cioccolato non ha solo un impatto economico ma anche ambientale, la sua produzione infatti non è sempre “pulita” (intendiamo a livello di sfruttamento dei lavoratori, in alcuni casi addirittura minori) né ecologica.

Un recente studio, condotto da ricercatori dell’Università di Manchester, ha esaminato l’impronta di carbonio e in generale l’impatto ambientale del cioccolato arrivando a risultati non certo positivi. Lo ha fatto valutando i processi di produzione ma anche l’imballaggio e i rifiuti che si producono per realizzare il cioccolato consumato nel Regno Unito.

Ci si è concentrati in particolare su tre prodotti che costituiscono il 90% del mercato locale: cioccolatini modellati, barrette di cioccolato e cioccolatini in busta, ovvero tutti prodotti trasformati e non la classica tavoletta.

Nel Regno Unito le persone consumano in media 8 kg di cioccolato l’anno ma a quale prezzo? Secondo lo studio, un chilogrammo di cioccolato richiede circa 10 mila litri di acqua per la produzione ed è responsabile di emissioni di CO2 comprese tra i 2.9 e i 4.2 kg. Lo studio stima che l’industria del cioccolato nel Regno Unito produca circa 2,1 milioni di tonnellate di gas serra (GHG) all’anno. Questo è equivalente alle emissioni annuali di tutta la popolazione di una città grande come Belfast.

cioccolato impatto grafico

Il prof. Adisa Azapagic, responsabile dei sistemi industriali sostenibili dell’Università di Manchester e autore dello studio, ha dichiarato:

“Il cacao viene coltivato intorno all’equatore in condizioni climatiche umide, principalmente nell’Africa occidentale e nell’America centrale e meridionale, quindi deve percorrere una certa distanza prima di trasformarlo nei prodotti di cioccolato che produciamo e consumiamo nel Regno Unito”.

Quindi non è solo un fattore di produzione ma anche di spostamento, trasportarlo lontano dai luoghi d’origine consuma molte risorse così come anche l’imballaggio e, in alcuni casi, la refrigerazione.

Ma non è solo il cacao: anche per il latte in polvere, necessario per realizzare i cioccolatini, c’è bisogno di tanta energia, l’industria del latte produce infatti enormi emissioni di gas serra.

In sostanza dunque i ricercatori sottolineano come il cioccolato abbia un grande impatto sul nostro pianeta, non si chiede ovviamente di smettere di consumarlo ma quanto meno di essere consapevoli della situazione e fare scelte più informate.

Magari lo studio potrà anche essere un punto di partenza e aiutare i produttori (almeno quelli più volenterosi e attenti all’ambiente) a migliorare le catene di approvvigionamento e rendere così il cioccolato quanto più sostenibile possibile.

Sull’impatto ambientale del cacao e di altri alimenti leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook