Cala del 30% il consumo di carne in Italia: diminuiscono anche le macellazioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

C’è un’importante novità nelle abitudini alimentari degli italiani. Secondo un’analisi, il consumo di carne è sceso del 30%, così come i prezzi all’ingrosso. Ciò si è riflettuto anche sulle macellazioni, ridotte del 4,5% per il settore dei bovini e del 15,8% per i suini.

Durante il lockdown, alcuni settori hanno subito meno gli effetti della contrazione dei consumi rispetto ad altri. Non quello della carne, che non ha potuto usufruire delle vendite online e ha subito anche il peso della chiusura dei ristoranti.

Secondo l’analisi dell’Organizzazione interprofessionale della carne bovina-Oicb, resa nota da Il Sole24Ore, è stato il comparto della carne di vitello ad aver subito un forte calo pari all’1,7%.

Secondo i dati dell’Organizzazione, l’Italia è il 4° produttore di carne bovina (10,2%) dopo Francia (18,4%), Germania (13,9%) e Regno Unito (11,6%), ma il nostro paese in 10 anni ha perso quasi un terzo della produzione. Tendenza confermata anche durante il lockdown.

Il Governo ha anche varato una serie di misure, con aiuti pari a 35 milioni di euro destinati al settore delle carni ma le condizioni restano critiche, sia sul mercato interno sia nelle esportazioni. Adesso, i produttori si stanno trovando a dover smaltire l’eccesso di offerta con un conseguente calo dei prezzi.

Tutto ciò ha già portato a un calo delle macellazioni. Secondo i dati Istat nei primi cinque mesi del 2020 è stato registrato un calo del 4,5% nel settore delle carni bovine e del 15,8% in quello dei suini.

Numeri che hanno già portato la Commissione Ue a stimare un calo della produzione di carni bovine dell’1,7% e dei consumi del 2,7% per tutto il 2020.

Al di là delle dinamiche innescate dal coronavirus e dal conseguente lockdown, sembra chiaro che gli italiani stiano cambiando le loro abitudini alimentari. Il calo infatti non è strettamente legato alle vicende sanitarie del 2020 ma è attribuibile ormai a un intero decennio.

Che sia una scelta di salute o etica, gli italiani mangiano sempre meno carne e ciò non può che fare bene alla loro salute ma anche a quella del pianeta.

Fonti di riferimento: IlSole24Ore, Assograssi

LEGGI anche:

Durante il coronavirus, negli USA le vendite di “carne” vegetale sono aumentate come mai prima

Come una tassa sulla carne rossa salverebbe vite umane e la sanità pubblica. Lo studio di Oxford

Il devastante impatto ambientale della carne in un nuovo studio shock

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook