Biologico: gli italiani lo scelgono nonostante la crisi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il biologico non risente della crisi. Le abitudini di acquisto degli italiani lo confermano. I consumatori preferiscono la spesa bio. Comprare frutta e verdura di qualità, coltivata senza l’impiego dei pesticidi, rimane una buona abitudine per molte famiglie, nonostante il periodo di incertezza economica.

Scegliendo prodotti freschi e sani si risparmia in salute e si vive meglio. Le famiglie italiane partono probabilmente da un simile presupposto nella scelta degli alimenti da inserire nel carrello della spesa. E così le vendite dei prodotti biologici nel 2013 risultano in aumento, secondo quanto confermato da dati del più recente rapporto Sinab.

Nel primo quadrimestre del 2013 la spesa bio ha fatto registrare un espansione del +8,8%, rispetto allo stesso periodo del 2012. In particolare, sono cresciuti del 12% gli acquisti dei prodotti biologici confezionati, come biscotti, dolciumi e snack, accanto a quelli di frutta e verdura fresca e di prodotti ortofrutticoli trasformati.

Sono soprattutto gli italiani che vivono nelle regioni settentrionali a scegliere i prodotti bio. Le regioni del Nord Italia rappresentano infatti da sole il 73% della spesa bio degli italiani, ma i dati, rispetto allo scorso anno, appaiono in crescita anche in tutte le altre aree della penisola, ad eccezione di una leggera flessione per le regioni centrali.

Le possibilità di acquisto di prodotti biologici per i consumatori italiani sono in crescita. Sono infatti ben 49.709 le realtà che offrono prodotti biologici certificati sul territorio e sono oltre 5000 le aziende che si occupano della preparazione e della vendita al dettaglio dei prodotti bio, a cui si aggiungono oltre 3000 realtà che effettuano sia produzione che preparazione.

Insomma, le possibilità di scegliere il biologico in Italia non mancano. La crescita del biologico prosegue, nonostante le difficoltà economiche e politiche che il settore deve affrontare, come ci comunica il Consorzio di Controllo e Certificazione del Biologico CCPB. La varietà dei prodotti bio in vendita appare in continuo aumento e anche nei comuni supermercati le alternative bio sono sempre più presenti, offrendo una qualità maggiore a prezzi competitivi, e facilitando la possibilità per i consumatori di accedere a cibi più sani e sicuri, che possano rientrare nella lista della spesa settimanale senza intaccare il budget previsto per la preparazione dei pasti in famiglia.

Marta Albè

LEGGI anche:

La crisi non ferma la crescita del biologico italiano

Nonostante la crisi, nel 2010 è boom del biologico: + 12% le vendite …

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook