Il cibo biologico è più ricco di antiossidanti (e meno metalli pesanti)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il cibo biologico è più ricco di antiossidanti. Contiene meno metalli tossici e meno pesticidi. I livelli di antiossidanti presenti negli alimenti bio sono superiori rispetto al cibo proveniente dall’agricoltura convenzionale per una percentuale che va dal 19% al 69%.

A dimostrarlo è un nuovo studio condotto nel Regno Unito, che porta il titolo di “Higher antioxidant and lower cadmium concentrations and lower incidence of pesticide residues in organically grown crops”. Nei cibi coltivati secondo l’agricoltura biologica sono presenti meno residui di pesticidi, concentrazioni di cadmio più basse e un maggior quantitativo di antiossidanti.

Un gruppo di ricercatori della Newcaslte University ha analizzato 343 studi sul tema e ha concluso che scegliere cibo bio per la propria alimentazione arricchisce la dieta di antiossidanti come se mangiassimo 1 o 2 porzioni in più di frutta e verdura convenzionale al giorno. Lo studio ha inoltre scoperto che i livelli di cadmio e di mercurio, entrambi tossici, nei prodotti bio sono inferiori almeno del 50%.

Secondo quanto dichiarato dal professor Carlo Leifert, che ha condotto il team di ricercatori: “Questo studio dimostra che scegliere cibo prodotto secondo gli standard del biologico può portare ad un incremento dell’apporto di antiossidanti attraverso la dieta e ridurre l’esposizione ai metalli pesanti tossici”.

A parere di Leifert, questo studio deve rappresentare un punto di partenza per approfondire la superiorità nutrizionale degli alimenti bio. I ricercatori hanno dimostrato senza ombra di dubbio che ci sono differenze tra le sostanze presenti negli alimenti bio e in quelli tradizionali. Dunque ora si avverte l’urgenza di condurre studi specifici che identifichino quali siano gli impatti per la salute umana del passaggio ad una dieta bio.

soil association bio

Uno studio condotto in precedenza aveva dimostrato che mangiare biologico per una settimana riduce del 90% i livelli di pesticidi nell’organismo. La speranza è che i nuovi risultati ottenuti dalla scienza possano diffondere una maggiore consapevolezza sull’importanza di scegliere bio e di supportare l’agricoltura biologica. Tra le motivazioni che spingono i cittadini a scegliere bio, secondo Soil Association, troviamo salute, desiderio di evitare i residui di sostanze indesiderate, gusto migliore e maggior rispetto dell’ambiente.

Marta Albè

Leggi anche:

Mangiare biologico per una settimana riduce i livelli di pesticidi nel corpo del 90%

I vantaggi di scegliere cibi biologici a prescindere dal valore nutrizionale…

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook