Scoperta alga che sa di pancetta ma è più nutriente del cavolo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alghe dulse, l’avete mai assaggiata? I ricercatori della Oregon State University hanno individuato un nuovo ceppo delle alghe marine rosse dulse che risulta ancora più ricco di proteine e che assume una caratteristica insolita con la cottura.

Dopo la cottura queste alghe acquistano un particolare gusto di bacon. L’alga dulse (Palmaria sp.) cresce allo stato selvatico lungo le coste del Pacifico e dell’Atlantico. Dopo la raccolta quest’alga viene essiccata e viene venduta come ingrediente per cucinare e per condire o come integratore alimentare.

Di recente, però, il ricercatore Chris Langdon e i suoi colleghi dell’Hartfield Marine Science Center della Oregon State University hanno brevettato un nuovo ceppo di alghe dulse. Queste alghe assomigliano alla lattuga rossa e sono un’ottima fonte di sali minerali, vitamine e antiossidanti. Contengono fino al 16% di proteine rispetto al loro peso da secche, secondo quanto riferito da Langdon.

L’obiettivo iniziale era quello di creare un superfood, cioè un alimento supernutriente, a partire dalle alghe dulse. I ricercatori hanno coltivato le alghe dulse in laboratorio e hanno rilevato valori nutritivi superiori a quanto risultava fino a questo momento in letteratura.

Le alghe dulse coltivate in laboratorio si sono rivelate un superalimento con il doppio del valore nutrizionale del cavolo, con riferimento al “kale”, molto simile al nostro cavolo nero toscano. La Oregon State University ha dunque sviluppato una nuova varietà di alga dulse che potrà essere facilmente coltivata, con la possibilità di creare un nuovo settore di produzione alimentare in Oregon.

alga dulse piatti

alga dulse piatto

alga dulse oregon

alga dulse oregon cover

alga dulse oregon 2

Sono già stati sperimentati alcuni alimenti a base della nuova alga dulse. Dei cracker di riso e dei condimenti per insalata sono le novità più promettenti. L’alga dulse di per sé è già considerata un alimento molto nutriente. È la più ricca di ferro tra le alghe e presenta allo stesso tempo un buon contenuto di potassio e di magnesio. Una nuova conferma del fatto che le alghe diventeranno il cibo del futuro?

Marta Albè

Fonte foto: Oregon State University

Leggi anche:

ALGHE: LE DIVERSE TIPOLOGIE, LE proprietà E COME UTILIZZARLE

ALGA SPIRULINA: PROPRIETÀ, USI E DOVE TROVARLA

MAURU: LA RICETTA DELL’INSALTA CON L’ALGA SICILIANA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook