birra pesticidi

Birra fresca, dissetante ma... al sapor di pesticidi. Cosa beviamo realmente? Una nuova inchiesta condotta in Francia ha scoperto che in alcuni noti marchi sono presenti svariati tipi di pesticidi, glifosato incluso.

Uno studio ampio, svolto da 60millions de Consommateurs che ha analizzato ben 45 birre scelte tra quelle più vendute nei supermercati francesi, con 39 bionde e 6 bianche. Al loro interno sono state cercate quasi 250 molecole di pesticidi.

Tre quarti delle birre testate (34 su 45) ne presentavano i residui. Non sono state risparmiate neanche le più famose. Non solo cattive notizie. Dai risultati, è emerso che sono state rilevate "solo" 4 molecole di pesticidi tra tutte quelle ricercate e per fortuna non in elevate quantità.

Tre di questi sono fungicidi (boscalid, phthalimide e folpet o folpel). La cattiva sorpresa c'è: il ritrovamento del glifosato, seppure in piccole quantità, in 25 birre.

Precedentemente fabbricato esclusivamente da Monsanto, l'erbicida commercializzato soprattutto tramite Roundup è molto usato in agricoltura. A marzo 2015, lo IARC lo ha classificato come "probabile cancerogeno" per l'uomo.

Eppure il suo utilizzo prosegue, anche grazie al via libera dell'Ue che ne ha permesso l'uso anche per i prossimi 5 anni.

Tornando allo studio francese, tra le birre, 22 presentavano livelli quantificabili di glifosato, che variavano da 0,41 microgrammi per litro (μg / l) della Grimbergen a 9,23 μg/l dell'Affligem. La media è stata di 1,93 μg/l.

Per quanto riguarda le 6 birre bianche, metà contengono livelli quantificabili di glifosato, con una media di 1,33 μg/l. La maggior parte di questi valori eccede il livello massimo consentito per l'acqua (0,1 μg / l) ma secondo il giornale non si può mettere a confronto con la birra, una bevanda non essenziale e ingerita in quantità decisamente minori.

"Abbiamo calcolato i volumi di birra che un adulto di 60 kg deve ingerire quotidianamente per superare la dose di assunzione giornaliera ammissibile (ADI) di glifosato, pari a 0,5 mg/kg di peso corporeo".

Secondo lo studio, anche con la birra più contaminata di glifosato (la bionda Affligem), sarebbe necessario berne quasi 2000 litri al giorno per superare la dose ammissibile.

"Il processo di birrificazione elimina alcuni possibili residui", ha detto Maxime Costilhes, delegato generale dell'associazione Brasseurs dalla Francia.

Il problema è più legato a esposizioni multiple al glifosato, visto che quest'ultimo ormai è presente in tutti gli alimenti o quasi.

birra pesticidi glifosato

Promosse! Le birre senza pesticidi

Per fortuna, dallo studio è emerso che 11 birre sono completamente prive di residui di pesticidi. Tra i promossi troviamo Heineken e Carlsberg. La Corona presenta un pesticida, il glifosato, ma è in seconda posizione tra quelle con le maggiori quantità di questo erbicida, pari a 2,44 μg/l mentre Stella Artois presenta glifosato in quantità pari a 1,35 μg/l.

birre promosse

Bocciate! Le birre con glifosato (e altri pesticidi)

Tra le peggiori troviamo la Leffe Royal, Cascade Ipa e la Guinness Nitro Ipa con addirittura 3 pesticidi ma quantità di glifosato rispettivamente pari a 0,76 e 0,57 μg/l.

 birre con pesticidi
Per l'immagine ingrandita clicca qui

Siamo rimasti stupiti del fatto che diverse birre siano del tutto prive di pesticidi visto il largo uso che se ne fa in agricoltura. In ogni caso, il consiglio è quello di scegliere sempre birre bio, chiaramente non prese in esame nello studio.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram