bufale-alimentari
Riguardo a cibo e alimentazione si dice tutto e il contrario di tutto, le teorie sono tantissime ed è normale essere un po’ disorientati. Il latte fa bene o fa male? E la carne? Dovremmo evitare i grassi e scegliere lo zucchero di canna rispetto a quello raffinato? La Coldiretti tenta di fare un po’ di chiarezza stilando un decalogo di bufale alimentari. Su alcune siamo d’accordo su altre decisamente meno…

L’elenco della Coldiretti, parte della campagna #stopfakeatavola promossa dall’associazione stessa e dall’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare, punta il dito su una serie di notizie che circolano sul web, come ad esempio che l’ananas sia un frutto dimagrante e che lo zucchero di canna non faccia ingrassare. Si parla poi dei benefici del latte come del fatto che non sempre bisogna eliminare la carne dalla propria vita né tanto meno i grassi.

Analizziamo punto per punto:

IL LATTE FA MALE

Sul latte si discute molto se faccia bene o meno alla salute. La Coldiretti è convinta che non si tratti di un alimento dannoso per gli uomini in quanto rientra da migliaia di anni nella dieta umana a tal punto che il genoma si sarebbe modificato in modo tale da continuare a produrre lattasi (enzima utile a digerire il latte) anche in età adulta. Che dire? L’argomento è controverso e non solo l’autore di The China Study, citato dall’associazione, si è permesso di dissentire sulle proprietà benefiche del latte svelandone i retroscena ma anche alcune ricerche scientifiche assolutamente indipendenti. Potete leggerle e approfondire la tematica nei seguenti articoli:

ananas proprieta 1

 

L'ANANAS FA DIMAGRIRE

Secondo la Coldiretti l’ananas si associa erroneamente agli alimenti brucia grassi. In realtà le proprietà di questo frutto sono da imputare alla bromelina che è contenuta nel gambo (dunque non la mangiamo ma possiamo assumerla attraverso degli integratori), enzima deputato tra l'altro alla digestione delle proteine e non dei grassi.

Su questo argomento ci troviamo concordi il consumo di ananas fresco è utile per favore l’idratazione del corpo, depurarsi eliminando le tossine e contrastare ritenzione idrica e cellulite ma non brucia i grassi. È vero però che ha poche calorie ed è saziante, può quindi essere comunque utile nell’ambito di una sana alimentazione finalizzata alla perdita di peso.

Per approfondire leggi anche:

 

IL KAMUT® È UN TIPO DI GRANO

Sul Kamut® è impossibile non concordare. Tante persone ancora associano a questo nome una varietà di cereale quando in realtà si tratta di un marchio commerciale registrato negli Stati Uniti con cui viene venduto il grano Khorasan (Triticum turgidum spp. turanicum). Si può scegliere tranquillamente di non acquistarlo prediligendo varietà e coltivazioni italiane.

Per approfondire l’argomento leggi anche:

 

NON BISOGNA MANGIARE CARNE

E qua torniamo ad un punto dolente. La Coldiretti sostiene che non esistono studi che provino che mangiare carne in piccole quantità sia dannoso per la salute. Ne abbiamo parlato tante volte, soprattutto in seguito alla pubblicazione nel 2015 del documento choc dell'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) in cui si dichiarava la carne rossa probabilmente cancerogena, mentre sicuramente cancerogeni sono stati classificati gli insaccati e tutti gli altri tipi di carne lavorata. Quindi, quanto meno per quanto riguarda la carne rossa, gli studi ci sono eccome. Il rischio ovviamente aumenta con la quantità di carne consumata, ma con i dati disponibili per la valutazione lo studio non è riuscito ad arrivare ad una conclusione sul fatto che esista o meno un livello di sicurezza.

Per approfondire l’argomento leggi anche:

 

LE BANANE SONO IL CIBO PIU' RICCO DI POTASSIO

Le banane sono considerate l’alimento vegetale più ricco di potassio in realtà ve ne sono altri che ne contengono quantità maggiori. La Coldiretti elenca la classifica degli alimenti che hanno più potassio in base ai dati delle Tabelle di composizione degli alimenti del Crea-Nutrizione, nell’ordine: spinaci crudi, rucola, cavolini crudi. Tra la frutta spiccano invece i kiwi e non le banane, che si aggiudicano solo il nono posto.

Per approfondire l’argomento leggi:

banane

 

BISOGNA EVITARE I GRASSI

I grassi vanno eliminati dalla dieta? Assolutamente no, come sottolinea la Coldiretti, sono nutrienti indispensabili al buon funzionamento del nostro organismo. E su questo non ci piove! Non bisogna demonizzarli ma neppure abusarne ed è bene scegliere di consumare maggiormente grassi “buoni” come quelli contenuti ad esempio nell’olio extravergine d’oliva.

Per approfondire leggi anche:

 

INTOLLERANZA AL LATTOSIO: CHI NE SOFFRE NON DEVE MANGIARE FORMAGGI

Chi è intollerante al lattosio non deve mangiare formaggi? Secondo la Coldiretti questo non è vero dato che i formaggi stagionati, grazie proprio alle modalità con cui vengono realizzati, hanno un contenuto basso o quasi nullo di lattosio. In caso soffriate di questa intolleranza vi consigliamo di chiedere il parere del vostro medico curante, la situazione può essere diversa da persona a persona e nella maggior parte dei casi è bene, quanto meno per un periodo, evitare del tutto alimenti che contengono lattosio.

Per approfondire l’argomento leggi anche:

 

LO ZUCCHERO DI CANNA NON FA INGRASSARE

Secondo la Coldiretti, il luogo comune vuole che lo zucchero di canna non faccia ingrassare. Questo ovviamente non è vero, al pari dello zucchero raffinato quello di canna possiede uguali caratteristiche nutrizionali ed è calorico.

Per approfondire l’argomento leggi anche:

 

I PRODOTTI ALIMENTARI DELL’UE SONO TUTTI UGUALI 

La bufala in questo caso sarebbe quella di ritenere che tutti i prodotti alimentari realizzati all’interno dell’Unione Europea abbiano pari standard di sicurezza e regole. Secondo la Coldiretti in Italia ci sono le regole produttive più rigide, ad esempio il divieto di produrre pasta con grano tenero, di utilizzare la polvere di latte nei formaggi o aggiungere zucchero nel vino, cose che invece sono permesse in altri paesi Ue.

 

I PRODOTTI DEL CONTADINO SONO MENO CONTROLLATI

Le persone spesso ritengono che acquistare dal contadino sia meno sicuro in quanto le produzioni su piccola scala siano meno controllate. In realtà, assicura la Coldiretti, tutti i prodotti alimentari venduti in Italia devono rispettare i medesimi standard e quindi essere sottoposti ad uguali controlli. Al di là di questo acquistare dal contadino ha molti vantaggi: avere prodotti sempre freschi italiani e a km 0. Per approfondire leggete qui.

Francesca Biagioli

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram