carne sintetica

Carne di pollo e di anatra sintetiche, realizzate in laboratorio. Sono già realtà, frutto dal lavoro della società americana Memphis Meats, che ha annunciato la nascita della propria linea di prodotti, puntando a lanciarli sul mercato entro i prossimi 5 anni. Una prospettiva a dir poco inquietante.

La carne è creata partendo da cellule prelevate dal muscolo animale e coltivate in vitro fino a formare filamenti di tessuto sufficiente (circa 20.000) a creare una polpetta o un hamburger. Non è la prima volta che accade. Qualche anno fa a Londra venne servito il primo hamburger artificiale.

LEGGI anche: HAMBURGER ARTIFICIALE: TRA UNA SETTIMANA VERRA' SERVITO A LONDRA

Di fatto, non ci sarebbero allevamenti intensivi né macellazioni. Per sua stessa ammissione, Memphis Meats ha creato la carne artificiale con l'obiettivo di evitare gli “effetti collaterali” legati alla produzione e al consumo di carne, sia per la salute umana che per l'ambiente:

“Noi amiamo la carne. Ma come la maggior parte delle persone, non amiamo gli effetti collaterali negativi della produzione convenzionale di carne: la distruzione ambientale, il benessere degli animali e un gran numero di rischi per la salute. La domanda di carne è destinata a raddoppiare nei prossimi decenni, una cosa è chiara: abbiamo bisogno di un modo migliore per nutrire un mondo affamato” si legge sul comunicato ufficiale.

A modo suo Memphis Meats, punta a cambiare il modo in cui la carne arriva nel nostro piatto, cercando di produrla utilizzando le cellule animali, senza la necessità di macellare animali “veri”.

LEGGI anche: CARNE PRODOTTA IN LABORATORIO PER SALVARE GLI ANIMALI: UNA RIVOLUZIONE POSSIBILE? (VIDEO)

Il consumo delle carni create in labotorio, assicura Memphis Meats, ha il vantaggio di ridurre fino al 90% le emissioni di gas serra.

Ma la situazione normativa è più complicata. Finora, per fortuna nessuno di questi alimenti sintetici ha raggiunto il mercato.

E non c'è ancora una regolamentazione chiara su questo tipo di alimenti.

Coldiretti ha fatto sapere che il 97% degli italiani è contrario all’uso di tecniche innaturali nella produzione di carne, dalla clonazione alla sintesi in laboratorio.

Gli italiani infatti sono preoccupati per le ripercussioni dell’applicazione di nuove tecnologie ai prodotti alimentari.

“Un annuncio che segue quello della messa in tavola del primo hamburger da carne nel 2013 che tuttavia a distanza di anni non ha raggiunto il mercato, anche perché – sottolinea la Coldiretti - alle forti perplessità di natura etica si aggiungono quelle di carattere economico. La realtà è che nonostante il rincorrersi di notizie miracolistiche sugli effetti benefici delle nuove modificazioni ingegneristiche effettuate su animali e vegetali in laboratorio (dal supersalmone ad accrescimento rapido al riso ipervitaminico fino al latte materno da mucche transgeniche) rimane molto elevato il livello di scetticismo dei cittadini”.

E voi? Riuscireste a mangiare la carne creata in laboratorio per salvare ambiente e animali?

O preferireste un bel burger vegetale?

Francesca Mancuso

LEGGI anche: ALGHE, INSETTI E CARNE SINTETICA SARANNO IL CIBO DEL FUTURO?

LEGGI anche: HAMBURGER DI MOSCHE, UN CONCENTRATO DI PROTEINE (VIDEO)

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram