vini naturali

Il mondo del vino è sempre in movimento e nel corso degli anni il desiderio dei consumatori di sapere ciò che si mangia e che si beve ha portato a sviluppi anche in campo enologico.

Vini biologici, vini biodinamici, vini naturali. Ci sono tante definizioni e, purtroppo, é spesso difficile per il consumatore comprendere le differenze. Cerchiamo di chiarire meglio cosa sono i vini naturali con decanto.it, enoteca online nata da poco e che ha deciso di focalizzarsi esclusivamente su piccoli artigiani del vino italiani che producono nel pieno rispetto della natura. Lo facciamo con Antonio Tornincasa, promotore del progetto.

Cosa sono esattamente i vini naturali o secondo natura?

Su questo argomento c’e’ purtroppo moltissima disinformazione. Senza andare troppo nel tecnico diciamo che i vini prodotti secondo natura (siano essi certificati da enti esterni come nel caso dei biologici o biodinamici, o autocertificati nel caso di molti altri naturali) hanno l’obiettivo comune di minimizzare l’intervento umano in vigna ed in cantina.

Le limitazioni all'intervento umano possono essere o un po' più permissive (come nel caso del disciplinare biologico) o volutamente più restrittive (come nel caso di tanti produttori naturali – che, ritenendo le certificazioni bio o biodinamica insufficiente, si impongono di seguire una strada più sostenibile alla viticoltura).

Proprio per aiutare i consumatori a comprendere meglio questo mondo, noi di Decanto, in collaborazione con Arkè Distribuzione, abbiamo creato una presentazione sui vini naturali che speriamo possa contribuire a fare un po’ di chiarezza sull'argomento.

Quali sono le caratteristiche distintive dei vignaioli naturali?

Fare vini naturali significa lasciare spazio alla natura, nel bene e nel male. Per questo le produzioni naturali raramente si sposano con le dimensioni elevate e sono spesso frutto del lavoro di piccole cantine artigiane.

Parliamo di realtá dove vengono prodotte poche migliaia di bottiglie e di vignaioli che sviluppano nel tempo una forte sensibilità e capacità di espressione del territorio diventandone veri presìdi, spesso addirittura riscoprendo o preservando uvaggi autoctoni ormai quasi scomparsi e vinificando nel pieno rispetto della natura, senza protocolli e senza ricorso a tecniche invasive, artifici vari e chimica.

In molti casi operano tra mille difficoltà, sacrificando guadagni facili in nome di un prodotto frutto ogni anno di un andamento climatico e di un determinato suolo che sono unici e caratteristici nonché irreplicabili altrove.

Seguono una viticoltura senza chimica e lavorano la terra perché possa esprimere tutta la sua ricchezza di vita e trasferirla ai grappoli, donandoci vini veri e autentici. Noi pensiamo che per questo vadano premiati.

piramide vini naturali
 

Perché i consumatori di vino dovrebbero provare i vini naturali?

Ci sono molti buoni motivi per cui provare i vini naturali: al di la di aspetti quali la capacitá di rappresentare il territorio ed il rispetto di natura e tradizione, riteniamo che la tutela della salute e la digeribilitá siano elementi fondamentali per un consumatore che, fortunatamente, sta sempre piú guardando alla qualitá che alla quantitá.

Si tratta di vini senza aggiunta di alcun additivo e prodotti senza l’utilizzo di pesticidi, fitofarmarci e diserbanti vari in vigna. Un aspetto di fondamentale importanza che fortunatamente viene sempre piú spesso apprezzato.

 

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram