Daikon: calorie, proprietà e come cucinare il 'ravanello cinese'

Daikon

Avete mai assaggiato il daikon? Il daikon (Raphanus sativus) è una radice dal gusto pungente che ricorda il sapore del ravanello. Non è un caso infatti che sia conosciuto anche come ravanello invernale, ravanello cinese o giapponese.

L’origine di questo ortaggio da radice è asiatica. Proprio in Asia ne vengono coltivate diverse varietà. L’utilizzo del daikon è popolare soprattutto nella cucina giapponese, dove viene servito in insalata o per accompagnare i piatti tradizionali, tra cui troviamo la zuppa di miso. In Oriente il daikon viene identificato anche come “carota bianca”. La sua forma ricorda quella delle carote ma di solito le dimensioni sono ben maggiori.

È un ortaggio spesso presente nelle ricette della cucina macrobiotica. Viene ormai coltivato anche in Italia, dove viene impiegato soprattutto a crudo nella preparazione delle insalate oppure cotto, nelle zuppe. È un ortaggio molto popolare anche nella cucina coreana, cinese, vietnamita e indiana ma il suo impiego come ingrediente culinario si sta diffondendo via via anche in Europa.

Daikon, proprietà e benefici

La radice di daikon vanta diverse proprietà e benefici per la salute riconosciuti:

  • Fonte di vitamina C: forse non sapevate che il daikon è una fonte importante di vitamina C. Questa vitamina si deteriora con il calore e con la cottura. Quindi dal punto di vista dell’apporto vitaminico possiamo pensare di alternare il consumo del daikon in versione cruda o cotta.
  • Fonte di sali minerali: non possiamo dimenticare che il daikon è anche una fonte di sali minerali, tra i quali troviamo soprattutto il calcio e il ferro. È inoltre una fonte di betacarotene, una sostanza utile per proteggere gli occhi e la pelle.
  • Ricco di fibre: il daikon è ricco di queste sostanze benefiche che favoriscono il corretto funzionamento dell’intestino e che aiutano il nostro organismo nell’eliminazione delle tossine.
  • Digestivo: si tratta di una radice che favorisce la digestione, mangiare daikon ad inizio pasto può dunque aiutare chi ha problemi di pesantezza di stomaco.
  • Diuretico e drenante: il daikon ha proprietà diuretiche e drenanti. Il suo consumo viene consigliato soprattutto per favorire la depurazione dei nostri organi.
  • Detox: è considerato un alimento benefico soprattutto per il fegato ed è spesso consigliato nelle diete detox.
  • Per il benessere delle vie respiratorie: il consumo di daikon è ritenuto utile come rimedio naturale in caso di malattie respiratorie, dato che contribuisce a liberare le vie aeree dall’accumulo di muco tipico, ad esempio, del raffreddore o della sinusite.
daikon

Daikon, valori nutrizionali e calorie

Il daikon è un ortaggio molto salutare e leggero. Chi segue una dieta con restrizione calorica potrebbe tenerne conto per aumentare il consumo di ortaggi. Infatti 100 grammi di daikon apportano al nostro organismo soltanto 18 calorie circa.

Per quanto riguarda i valori nutrizionali fate riferimento alla seguente tabella relativa sempre a 100 grammi.

  • Grassi 0,1 g
  • Acidi grassi saturi 0 g
  • Acidi grassi polinsaturi 0 g
  • Acidi grassi monoinsaturi 0 g
  • Colesterolo 0 mg
  • Sodio 21 mg
  • Potassio 227 mg
  • Carboidrati 4,1 g
  • Fibra alimentare 1,6 g
  • Zucchero 2,5 g
  • Proteine 0,6 g
  • Vitamina A 0 IU
  • Vitamina C 22 mg
  • Calcio 27 mg
  • Ferro 0,4 mg
  • Magnesio 16 mg

Come cucinare il Daikon: usi

Il daikon in cucina si può utilizzare sia crudo (ottimo grattugiato ma anche a cubetti) che cotto. Sperimentatelo ad esempio all'interno di:

  • insalate
  • zuppe
  • minestre
  • vellutate
  • ripassato in padella come contorno da solo o insieme ad altri ortaggi o tuberi
  • al forno
  • fritto

Potete provare anche un originale centrifugato a base di daikon, carota mela e finocchio.

daikon grattugiati

Il consumo del daikon non si limita soltanto all’ortaggio vero e proprio ma anche ai germogli ottenuti dai suoi semi. I germogli degli ortaggi sono molto ricchi di vitamine e di sali minerali. Possiamo facilmente prepararli in casa a partire da un germogliatore e con dei semi bio.

I germogli di daikon si consumano crudi. I semi bio per coltivare i germogli si trovano facilmente nei negozi di prodotti naturali. I germogli di daikon stimolano il metabolismo la digestione, oltre ad essere una fonte di vitamina C e di vitamine del gruppo B. Qui alcuni consigli utili per coltivare il daikon e i germogli di daikon.

Avete mai assaggiato il daikon? In quali ricette lo utilizzate?

Ti potrebbero interessare anche:

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

hcs320

Eivavie

Come depurare l'acqua del rubinetto con i filtri in ceramica

corsi pagamento
seguici su facebook