Ritirato lotto di spinaci Ortofin per presenza di erba velenosa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Erba velenosa negli spinaci. Con questa motivazione il Ministero della salute ha ritirato un lotto di spinaci perché all’interno della confezione potrebbe essere presente la madragola.

Nota come Mandragora L. questa pianta fa parte della famiglia delle Solanaceae ed è velenosa. Delle Solanacee fanno parte anche alcune piante molto importanti per la nostra alimentazione tra cui le patate, le melanzane, i pomodori, i peperoncini, i peperoni e le bacche di Goji), altre dalle cui proprietà si ricavano farmaci e infine piante velenose come le datura e la mandragola (o mandragora).

Il richiamo da parte del Ministero riguarda lo spinacio del marchio Buongiorno Freschezza Ortofin nella confezione da 500 grammi.

Prodotti da Ortoverde, con stabilimento a Terranova Dei Passerini, gli spinaci che potrebbero contenere anche la mandragola hanno scadenza 03/09/2017 e sono contraddistinti dal numero di lotto: 24010864M2.

spinaci erbe

Se avete acquistato questo prodotto non consumatelo e riportatelo in negozio per ottenere un cambio o un rimborso.

mandragora

Curiosità. La mandragola nel Medioevo era considerata una pianta magica, per questo veniva utilizzata nelle pozioni. In alcuni testi di alchimia viene rappresentata come un uomo o un bambino, per l’aspetto antropomorfo assunto dal radice in primavera. Da ciò è nata la leggenda del pianto della mandragola, in grado di uccidere un uomo.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook