Quello che nessuno voleva farvi vedere. Sequestrate oltre 188 tonnellate di materie prime in questo mangimificio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il NAS – Nucleo Antisofisticazioni e Sanità dell’Arma – ha sequestrato oltre 188 tonnellate di materie prime destinate alla produzione di mangimi destinati agli animali da allevamento.

È accaduto a Pescara e il sequestro è avvenuto a seguito di un’ispezione presso un’azienda che produce e vende alimenti zootecnici.

I militari hanno sequestrato materie prime per un valore totale di 100mila euro e sospeso l’attività dell’azienda con effetto immediato dopo che dai controlli sono emerse gravi irregolarità.

Le materie prime detenute e utilizzate dall’azienda erano prive di indicazioni sulla tracciabilità, pertanto sono state poste sotto sequestro.

Inoltre le condizioni igienico sanitarie all’interno della struttura erano insufficienti, dunque l’attività è stata immediatamente sospesa.

Nei luoghi di produzione e stoccaggio sono stati infatti trovati legnami e attrezzature da segheria, oltre a polvere e sporcizia ed è stato constatata la non corretta applicazione del piano di autocontrollo H.A.C.C.P da parte dell’azienda abruzzese.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook