Allarme pane ai semi di papavero: rilevati alti livelli di morfina e codeina in Francia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le autorità sanitarie francesi hanno rilevato la presenza di morfina e codeina in baguette e panini ai semi di papavero, in seguito all’allarme proveniente dal Centro antiveleni di Parigi riguardante alcune persone con “livelli anormalmente alti di alcaloidi (morfina e codeina) nelle loro urine”.

L’allerta arriva da una dichiarazione congiunta da parte della Direzione generale per la concorrenza, i consumatori e il controllo delle frodi (DGCCRF) e la Direzione generale della sanità nella quale si raccomanda di evitare di mangiare troppo pane di semi di papavero.

I semi di papavero, usati nei cosiddetti farmaci oppioidi, sono noti specialmente per le loro proprietà analgesiche. Raccolti dal bulbo essiccato del papavero da oppio (Papaver somniferum), cioè, i semi contengono tracce di oppiacei, ma di solito in quantità tanto minime da non in grado di provocare conseguenze nell’uomo. In questo caso, probabilmente, i semi sono stati contaminati da composti nel gambo attraverso pratiche di raccolta non professionali oppure per l’effetto di danneggiamento dovuto a parassiti.

È per questo che le autorità francesi stanno agendo al fine di “identificare l’origine di questa contaminazione e per determinare se i prodotti attualmente commercializzati sono interessati” e intanto la DGCCRF raccomanda di evitare i semi di papavero in “quantità significative”, soprattutto prima di guidare (o prima di qualsiasi altra attività che richieda concentrazione) o di popolazioni a rischio (donne in gravidanza o che allattano, bambini, persone con rischio di ritenzione urinaria e persone con rischio respiratorio).

Il consumo di alimenti contenenti tali livelli di alcaloidi può portare a sintomi quali:

  • sonnolenza
  • confusione
  • affaticamento
  • arrossamento del viso
  • prurito
  • secchezza delle fauci
  • nausea
  • vomito
  • stitichezza
  • ritenzione idrica

Ma in Italia?

L’Italia è tenuta (come del resto la Francia) a seguire le linee guida emanate nel 2014 dalla Commissione europea sulle buone pratiche per prevenire e ridurre la presenza di alcaloidi dell’oppio nei prodotti a base di semi di papavero. Le fasi di lavorazione, come il lavaggio, il trattamento termico e la macinatura, ridurrebbero il contenuto di alcaloidi tra il 25% e il 100%.

Infine, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha confermato il valore di sicurezza – o dose acuta di riferimento (ARfD) – di 10 μg per chilogrammo di peso corporeo basato sul contenuto di morfina nei semi di papavero, tenendo conto però anche del contenuto di codeina nel calcolo dell’esposizione alimentare.

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook