Olio di sesamo e semi bio, nuovi richiami per pesticida tossico ossido di etilene

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non si placano i richiami di prodotti contenenti semi di sesamo contaminati da un pericolo pesticida, l’ossido di etilene. Il Ministero della salute ha richiamato due nuovi alimenti il cui consumo potrebbe essere rischioso per la nostra salute, mentre il supermercato Bennet ha pubblicato il richiamo di un olio di semi di sesamo.

Da fine ottobre, sia in Italia che in Europa, sono stati molti i prodotti alimentari richiamati perchè contenevano ossido di etilene, derivante dai semi di sesamo provenienti dall’India. Tale sostanza è considerata cancerogena: E’ riconosciuta

“come un agente mutageno diretto in grado di provocare mutazioni nelle cellule del tessuto umano esposto al prodotto. La tossicità cronica da inalazione è stata valutata in studi a lungo termine sui ratti da cui è emerso che l’ossido di etilene è associato a un incremento di tumori con cause naturali. Questi risultati indicano una chiara associazione tra l’esposizione all’ossido di etilene e l’incidenza di cancro. L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) e la UE hanno classificato l’ossido di etilene come cancerogeno per l’uomo (categoria 1)”.

Sono ormai decine i prodotti ritirati (li trovate in calce al pezzo) ma adesso a questa lunga lista se ne aggiungono, oltre all’olio di semi di sesamo, altri due:

  • Semi di lino, di zucca, di girasole, di sesamo, bacche di goji bio del marchio Linwoods (Qui l’avviso di sicurezza del Ministero)
  • Semi di Sesamo Bio del marchio Padovana Macinazione Srl (Qui l’avviso di sicurezza del Ministero)

Nel primo caso, i semi di lino, di zucca, di girasole, di sesamo, bacche di goji bio del marchio Linwoods sono stati prodotti nel Regno Unito. Il richiamo riguarda il lotto da 200 gr n° L 29520 con data di scadenza 10/2021. Nel secondo, invece, i semi di Sesamo Bio del marchio Padovana Macinazione sono venduti nella confezione da 500 gr. Il lotto ritirato è il n° 01/1438 e data di scadenza 31/12/2021.

Per tutti i dettagli sui prodotti e dei lotti ritirati clicca qui

Se di recente avete acquistato questi prodotti non consumateli e riportateli indietro per ottenere un cambio o un rimborso.

Fonti di riferimento: Ministero della salute

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook