Listeria nel salame italiano: maxi ritiro in vari paesi europei

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Salame contaminato dal batterio della Listeria monocytogenes. È allarme in alcuni paesi europei dove il Rasff, il sistema di allerte alimentari, ha segnalato la presenza di questo agente patogeno in un particolare tipo di salame.

Si tratta della cosiddetta “spianata romana”, un salame speziato caratterizzato da una forma schiacciata e allungata. Il prodotto, su segnalazione dell’Italia, è stato ritirato dalle vendita per la presenza del batterio Listeria monocytogenes, che può dare origine alla listeriosi.

Il salame è stato ritirato dai seguenti paesi: Bulgaria, Germania, Moldavia, Polonia, Romania e dall’Italia.

Al momento non si conosce il nome del produttore e il lotto o i lotti oggetto di richiamo. Sicuramente, nelle prossime ore anche il Ministero della salute italiano renderà note queste informazioni.

allerta salame rasff

Listeriosi

Consumare il prodotto può essere rischioso perché si può contrarre la listeriosi che può assumere diverse forme, dalla gastroenterite acuta febbrile tipica che si presenta poche ore dopo il consumo dell’alimento contaminato dal batterio a quella invasiva o sistemica, che può provocare problemi più seri.

Particolarmente a rischio le donne in gravidanza che di solito manifestano una sindrome simile a quella influenzale con febbre e altri sintomi non specifici, come fatica e dolori. Le infezioni contratte in gravidanza possono comportare serie conseguenze sul feto. Pericolosa anche per gli adulti immunodepressi e gli anziani, nei quali la listeriosi può causare meningiti, encefaliti e gravi setticemie.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook