Stracchino Locatelli contaminato da E.coli: il lotto ritirato

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una nuova allerta alimentare riguarda stavolta uno stracchino, richiamato dal ministero della Salute per presenza di Escherichia coli Stec.

Si tratta dello stracchino all’antica della Società Agricola Locatelli Guglielmo & C. S.S, prodotto nello stabilimento di Frazione Reggeto (Provincia di Bergamo) e segnalato per presenza di rischio microbiologico.

Ad essere interessate dal richiamo sono 48 forme per un totale di 85,653 kg di prodotti – lotto di produzione 12/10/2019 (41° settimana) – che sarebbero contaminate da Escherichia coli.

Questo batterio sarebbe presente nello stracchino nella variante STEC ossia “produttore di Shiga-Tossina”, in grado quindi di produrre sostanze pericolose per la salute umana, inducendo una grave forma di diarrea emorragica. Nei casi più lievi si rischiano solo crampi addominali, vomito e diarrea ma è possibile anche trovarsi alle prese con reazioni più serie soprattutto se ad aver mangiato il cibo contaminato sono bambini, anziani o persone immunodepresse.

Controllate quindi se avete acquistato il sopracitato lotto di produzione e, nel caso, non consumate assolutamente lo stracchino ma riportatelo al punto vendita per avere una sostituzione o un rimborso.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook