Tornano le mozzarelle blu, stavolta a marchio Vallelata. Ecco i lotti ritirati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Negli ultimi giorni sono stati segnalati dai consumatori diversi casi di mozzarelle blu. Stavolta a riscontare il problema sono alcuni lotti del marchio Vallelata. L’azienda produttrice fa comunque sapere che, nonostante non si possano consumare, le mozzarelle blu non sono nocive per la salute.

Tornano ancora una volta nei supermercati le mozzarelle blu, un problema che ogni tanto si ripresenta nonostante il CNR sembrava aver trovato la soluzione per evitare l’insolita colorazione ai latticini già diversi anni fa.

Ricordiamo che a far virare le mozzarelle verso la colorazione blu è un batterio molto diffuso in natura  (Pseudomonas fluorescens) ma non pericoloso per la salute umana anche se i latticini così colorati non vanno consumati in quanto perdono le loro caratteristiche qualitative e organolettiche. In ogni caso, visto che non vi è stata sufficiente attenzione alle condizioni igieniche-microbiologiche, le mozzarelle che diventano blu vanno ritirate dagli scaffali.

Nessun allarmismo dunque ma sicuramente è necessario un maggiore controllo sui prodotti. Il problema è che questo microrganismo è difficile da rilevare in fase di produzione e dunque l’insolita colorazione delle mozzarelle si ripresenta ciclicamente dopo l’apertura della confezione, quando il batterio entra in contatto con l’aria.

Due casi si sono verificati a Guidonia Montecelio e sono stati segnalati dai consumatori a Tiburno Tv mentre altri 3 casi si sono registrati in Abruzzo e precisamente a Lanciano, in provincia di Chieti (su questi indagano i Nas di Pescara), come riporta Il Fatto Alimentare.

Ma facendo un giro sui social si può notare che i casi sono probabilmente di più.

 

Marca e lotti incriminati

Stavolta a riscontrare il problema è il marchio Vallelata, e in particolare le mozzarelle vendute in confezione da 4. In particolare i lotti in cui il batterio ha preso il sopravvento sono L 200241 e L200245 con scadenza 15/9 e 19/9.

Un’ulteriore segnalazione ha riguardato, solo 2 giorni fa, il lotto L200248, con scadenza il 22/09/2020.

Questi sono i lotti segnalati da Il Fatto Alimentare ma, come dicevamo, il problema probabilmente ha riguardato anche altri lotti sempre dello stesso marchio, come si può vedere dalle immagini di Facebook soprariportate.

La risposta dell’azienda

L’azienda produttrice, la Lactalis, ha già provveduto a ritirare i lotti interessati e ha risposto alla richiesta di spiegazioni arrivata da parte de Il Fatto Alimentare per scusarsi con i propri consumatori e per assicurare maggiori controlli.

Nella risposta si legge:

“(…)A seguito di recenti autocontrolli e anche di segnalazioni da parte dei nostri consumatori di colorazioni anomale sul prodotto nei giorni successivi all’apertura, la nostra Direzione Qualità e gli staff del nostro stabilimento di produzione si sono prontamente attivati per rinforzare tutte le azioni tecniche e di controllo, preventive e correttive, che possano evitare l’insorgere di tali alterazioni.
L’attenzione per i nostri consumatori è da sempre la nostra priorità e per questo le confermo che, in maniera del tutto cautelativa, abbiamo comunque preferito identificare tutti i punti vendita a cui erano stati consegnati i lotti oggetto di reclamo e chiesto loro di non renderli più disponibili alla vendita, in modo da evitare eventuali ulteriori disagi ai nostri consumatori”.

Fonti: Il Fatto Alimentare / Tiburno tv 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook