Finti mangimi per animali: maxi-sequestro a La Spezia, c’era pericolo mucca pazza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sequestrate 9mila tonnellate di finti mangimi per animali a La Spezia

Sequestrate 9mila tonnellate di finti mangimi per animali al porto di La Spezia. Si tratta di proteine animali trasformate (PAT), illecitamente dichiarate mangimi composti o concimi organici ed inviate verso l’estero. I carabinieri dei Nas di Genova e l’Ufficio Antifrode della Dogana della Spezia hanno scoperto un vero e proprio “mare” di finti mangimi.

La grande quantità avrebbe potuto mettere a rischio la salute umana per via della BSE, l’encefalopatia spongiforme bovina, meglio nota come morbo della mucca pazza.

Le lunghe indagini durate oltre un anno hanno portato i carabinieri e i veterinari a scoprire numerose spedizioni illegali verso l’estero di proteine animali trasformate, aggirando di fatto i divieti di esportazione previsti dalle leggi comunitarie.

Dopo la diffusione della sindrome della mucca pazza, l’Ue ha introdotto leggi più severe. Tra queste il divieto di esportazione delle proteine animali trasformate, ossia dei prodotti destinati all’alimentazione degli animali per evitare che tali proteine venissero usate anche nei Paesi non comunitari per l’alimentazione dei cosiddetti animali da reddito, ossia bovini, suini, ovini ed avicoli le cui carni sono consumate dall’uomo.

Da questo divieto di esportazione restavano esclusi solo i “mangimi composti” destinati all’alimentazione degli animali da compagnia, non utilizzati per l’alimentazione umana.

LEGGI anche: OBBLIGO DI ETICHETTUATURA DEL PAESE D’ORIGINE PER LE CARNI SUINE, BOVINE E OVINE DAL 1 APRILE

Sfruttando questa eccezione, sono stati spediti all’estero dei P.A.T., sfuggiti ai controlli dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, perché falsamente dichiarati “mangimi composti complementari”.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook