Allarme focolaio di Listeria in Europa: è colpa del salmone

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Allerta alimentare. 12 casi di listeria di cui 4 mortali in Danimarca, Germania e Francia. L’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, pubblica un avviso: il focolaio epidemico è legato al consumo di salmone.

La listeria (scientificamente nota come Listeria monocytogenes) è un batterio che provoca una malattia infettiva molto seria (detta listeriosi) e che si trasmette attraverso gli alimenti, soprattutto crudi, ma anche per contatto diretto e nel processo di macellazione di animali infetti. L’agente patogeno provoca soprattutto infezioni del sistema nervoso centrale come meningiti e meningoencefaliti, ma anche gastroenteriti in persone sane che sono state gravemente infettate.

Fino all’8 ottobre 2018 nei Paesi interessati sono stati segnalati 12 casi, quattro dei quali mortali. Nell’agosto 2017 la Danimarca riferisce il primo gruppo di casi e nell’ottobre 2017 la Francia segnala il rilevamento dello stesso ceppo: tutto riconducibile a partite di salmone marinato provenienti dalla medesima azienda polacca di trasformazione, come accaduto nelle indagini sul focolaio epidemico danese. In Germania il caso più recente legato al focolaio viene notificato nel maggio 2018.

“L’individuazione dello stesso ceppo di Listeria in un prodotto del salmone in Francia e un nuovo caso su uomo in Germania suggeriscono che la fonte della contaminazione possa essere ancora attiva e che i prodotti contaminati siano stati distribuiti ad altri Paesi dell’UE oltre alla Danimarca. Donne in gravidanza, anziani e soggetti immunodepressi corrono un rischio maggiore di contrarre la listeriosi” scrive l’Efsa.

L’infezione è in effetti molto rara, ma non impossibile. Solo anno scorso, per esempio, il nostro Ministero della Salute ha ritirato un lotto di porchetta di Ariccia I.G.P. a rischio e, sempre l’anno scorso, anche lo stesso salmone è stato oggetto di una simile procedura di precauzione.

D’altronde sono note, purtroppo, le precarie condizioni igieniche degli allevamenti intensivi (del salmone come di altri animali), che porterebbero ad una maggiore diffusione di agenti patogeni, fino ai supermercati e alle nostre tavole.

L’allarme, comunque, per ora non riguarda il nostro Paese.

Roberta De Carolis

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook