Kiwigate: scoppia lo scandalo dei kiwi italiani venduti come francesi. Inchiodati dai pesticidi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È Kiwi-gate in Francia dove la Direzione Generale per la Concorrenza, del Consumo e della Repressione delle Frodi (DGCCRF) ha portato alla luce una maxi-truffa che ci vede nostro malgrado protagonisti. I kiwi, spacciati come Made in Francia, infatti erano italiani.

Le indagini condotte dalla DGCCRF hanno smascherato una frode che coinvolge circa 15.000 tonnellate di kiwi “francesizzati” nel corso degli ultimi tre anni, pari al 12% di quelli Made in Francia commercializzati nel paese e pari a un illecito di circa 6 milioni di euro.

Il servizio di inchiesta nazionale della DGCCRF ha effettuato una serie di controlli tra la fine del 2016 e l’inizio del 2018 per verificare la veridicità delle informazioni relative all’origine dei kiwi commercializzati in Francia. Questo importante sondaggio era destinato da una parte a tutelare i consumatori francesi attenti all’origine dei prodotti agricoli acquistati e dall’altra i produttori francesi di kiwi dalla concorrenza sleale.

Dopo un anno di indagini, le autorità francesi hanno avviato diverse procedimenti giudiziari contro 7 società, 6 francesi e una italiana.

Secondo quanto riportato anche da Le Parisien, il 77% della produzione francese è concentrata tra Midi-Pirenei e Aquitania. L’industria francese produce in media 45.000 tonnellate di kiwi all’anno. I concorrenti italiani sono in grado di commercializzare invece 400.000 tonnellate annue.

Oggi i kiwi francesi sono venduti a un pezzo più alto rispetto a quelli italiani. Costano circa 0,70 € contro i 0,50 € italiani. Il kiwi francese è un prodotto raro. Alla fine della stagione, tra a marzo e aprile, quando inizia a esaurirsi, il suo prezzo dovrebbe salire ma ciò non era accaduto ed è scattato il campanello d’allarme in Francia.

A dare agli inquirenti la conferma che ci fosse qualcosa di strano, è stato anche il fatto che i kiwi presentavano anche residui di pesticidi vietati sul suolo francese. Ciò ha permesso loro di portare alla luce una frode più ampia.

Sono state riscontrate tracce di fenexamid e/o fludioxonile, principi attivi il cui uso è vietato in Francia, a differenza dell’Italia dove l’utilizzo è ammesso per migliorare la conservazione dei kiwi. Tali sostanze sono aumentate di 27 volte negli ultimi anni.

La truffa potrebbe costare ai responsabili fino a due anni di prigione e 300.000 euro di multa.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook