Ikea sotto accusa: dai giocattoli agli elettrodomestici troppi prodotti pericolosi ritirati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A basso costo di sicuro, ma sulla qualità le associazioni dei consumatori hanno tanto da ridire. Dall’inizio del 2016, infatti, Ikea ha ritirato dal mercato un prodotto al mese.

A dare il via alla lista delle segnalazioni del ritiro dagli scaffali sono state, a gennaio 2016, le bacchette per tamburo e lo strumento a percussione Lattjo, entrambi per rischio soffocamento.

LEGGI anche: ALLERTA: IKEA RITIRA LE BACCHETTE PER TAMBURO E LO STRUMENTO LATTJO. BIMBI A RISCHIO SOFFOCAMENTO

A cavallo tra febbraio e marzo, è stata la volta delle plafoniere HYBY, LOCK e RINNA per il rischio di distacco del paralume in vetro, in questo caso le segnalazioni erano venute proprio da consumatori che avevano riportato danni.

LEGGI anche: IKEA RITIRA TRE PLAFONIERE PER RISCHIO DI DISTACCO DAL SOFFITTO

ikea showroom

Per non parlare ancora delle lampade “Gothem” che avevano provocato scosse a causa del loro rivestimento in metallo. Mese ricco anche quello di aprile: le cassettiere Malm avevano provocato la morte di un bambino di 22 mesi.

LEGGI anche: CASSETTIERE MALM IKEA, RISCHIO RIBALTAMENTO SE NON FISSATE AL MURO: UN ALTRO BIMBO MORTO

Nel periodo di carnevale il mantello da pipistrello per bambini aveva causato abrasioni a tre giovanissimi, a giugno era toccato ai frigoriferi e congelatori Frostfri per rischio scossa elettrica e in ultima istanza c’è stato nei giorni scorsi il ritiro di 380mila lavastoviglie per difetto di fabbrica.

LEGGI anche: ALLERTA: IKEA RITIRA 380 MILA LAVASTOVIGLIE PER DIFETTO DI FABBRICA

Mentre l’azienda svedese sostiene di rispettare tutti gli standard di sicurezza e di garantire un rimborso a chi restituisce i prodotti difettosi, le associazioni dei consumatori sono convinti che non si tratti solo di coincidenze, ma che alcune volte Ikea metta sul mercato prodotti pericolosi senza fare i dovuti controlli.

E su questo il Codacons chiede chiarezza. Come fa l’azienda a monitorare tutti i prodotti dei quasi 290 store solo in Europa? Il dubbio rimane in vista del fatto che raramente, il ritiro avviene a priori ma solo dopo le segnalazioni dei clienti, e la maggior parte delle volte quando già qualche danno c’è stato.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook