Frutta e verdura bio, ora è ufficiale, i supermercati speculano sui margini. L’indagine francese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Frutta e verdura biologica vendute nei supermercati sono troppo costose anche  a causa degli spropositati margini di guadagno imposti dalla grande distribuzione, molto più alti rispetto agli ortaggi “tradizionali”. A dirlo è un sondaggio dell’associazione francese UFC-Que Choisir.

Vi anticipiamo che l’indagine è stata condotta solo in Francia sui 24 frutti e ortaggi più consumati nel paese e acquistati nei supermercati. Non possiamo sapere dunque se la stessa situazione si registra anche in Italia, ma ovviamente visti i prezzi del bio il sospetto esiste.

Comunque, tornando allo studio francese, questo si basa su un confronto tra prodotti realizzato da maggio 2018 a maggio 2019.

Secondo l’associazione, i margini lordi della distribuzione di massa sui prodotti biologici sono superiori del 75% rispetto alle produzioni convenzionali.

margine-prodotti-bio-supermercati

Il livello del margine è risultato equivalente tra bio e convenzionale solo per cipolla, aglio e carota mentre i prodotti bio il cui prezzo è risultato più sfacciatamente aumentato rispetto allo stesso prodotto da agricoltura tradizionale sono le mele (149%), i pomodori (109%) e le patate (83%).

mela-bio-rincari

L’associazione ritiene che non vi sia alcun motivo per giustificare tale rincaro, dato che i problemi di gestione, conservazione o minor rendimento del bio non possono pesare così tanto sul prezzo finale. Si tratta solo della “gola” di chi, dato che i consumatori francesi si rivolgono sempre più ai prodotti biologici (+ 36% negli ultimi due anni 2 ), ha pensato di bene di ottenere dalla situazione il massimo del profitto.

Lo studio conclude che, se la grande distribuzione applicasse gli stessi margini lordi sul biologico e sul tradizionale, le famiglie risparmierebbero il 18% ogni anno sui loro acquisti di frutta e verdura biologiche.

I negozi biologici costano meno dei supermercati (meglio ancora mercati e Gas)

UFC-Que Choisir ci tiene a sottolineare che i negozi specializzati in biologico sono mediamente più economici del 19% su frutta e verdura rispetto ai supermercati.

“Dobbiamo smettere di credere che andare al supermercato sia sempre più economico, è la forza del loro marketing che ce lo fa credere, dobbiamo andare in negozi specializzati, che spesso sono più economici per frutta e verdura, ai mercati domenicali e dare la priorità alla filiera corta ogni volta che è possibile”. 

E questo, come sempre, è anche il nostro consiglio: evitate di acquistare frutta e verdura nei supermercati (i motivi sono innumerevoli) ma rivolgetevi ad un agricoltore di fiducia, al mercato più vicino o acquistate tramite Gruppo di acquisto solidale (Gas).

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook