Maxi richiamo di cozze contaminate: per il Ministero della salute contengono biotossine marine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cozze contaminate da biotossine. Il Ministero della salute ha disposto il richiamo dal mercato di svariati lotti di cozze perché potrebbero risultare pericolose per la salute.

Le autorità ministeriali hanno pubblicato due nuovi avvisi di sicurezza che riguardano altrettanti marchi di cozze. Ad accomunare le due allerte è la provenienza: tutte le cozze ritirate provengono infatti da Porto Tolle (RO).

Il primo richiamo riguarda le cozze (Mytilus Galloprovicialis) di Ittica Allevamenti Ca’ Palestrina Srl. In questo caso le cozze ritirate sono state vendute nei formati da 5, 10 e 20 kg e i lotti di produzione coinvolti sono: 636, 637, 643, 647.

Il secondo richiamo riguarda le cozze (Mytilus Galloprovicialis) della Società agricola Angelo Mancin. In questo caso le cozze ritirate sono state vendute nelle retine da 5 kg e i lotti di produzione coinvolti sono quelli caratterizzati dalle seguenti date di scadenza: 17/08/2020, 18/08/2020.

Secondo le informazioni fornite dal Ministero della salute, tutti i lotti potrebbero essere contaminati da biotossine marine DSP oltre i limiti consentiti dalla legge.

Esse potrebbero provocare la cosiddetta Sindrome Diarroica da molluschi bivalvi (D.S.P.), caratterizzata da disturbi gastrointestinali (diarrea, nausea, vomito, dolori addominali) che possono protrarsi per 2-3 giorni e che insorgono generalmente dopo 1-7 ore dal consumo di molluschi contaminati.

Se le avete acquistate di recente, controllate i lotti ed evitate di consumarle.

Per consultare gli avvisi di sicurezza clicca qui e qui

Fonti di riferimento: Ministero della salute

Per le ultime allerte alimentari, leggi anche:

Cozze, ecco perché sarebbe meglio non mangiarle

Lidl richiama tartare di carne scottona con salmonella, l’allerta del Ministero della Salute

Pesto vegan bio La Selva richiamato per rigonfiamento del tappo e alterazione del pH

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook