Coppa di testa contaminata da listeria e ritirata dagli scaffali. Marca e lotto

Nuova allerta alimentare. Il Ministero della salute ha richiamato un lotto di coppa di testa di Modena affettata in vaschetta per la possibile presenza del batterio della Listeria Monocytogenes, scoperta in seguito a controlli dalla stessa azienda produttrice.

Si tratta della coppa di testa di Modena affettata prodotta dalla ditta “Gigi il salumificio s.r.l.” nello stabilimento di via Aldo Moro, a Modena, e commercializzata in vaschette da 125 grammi con l’omonimo marchio.

Il lotto interessato dal richiamo riporta il numero 1478 con data di scadenza o termine minimo di conservazione fissato al 4 gennaio 2020.

richiamo coppa

La Listeria monocytogenes si trova nel suolo, nell’acqua e nella vegetazione ma può contaminare alcuni tipi di alimenti, tra cui latte, verdura, formaggi molli e carni poco cotte. Può provocare la cosiddetta listeriosi, con infezioni del sistema nervoso centrale (meningite, meningoencefalite, ascesso cerebrale, cerebrite). Si considerano a rischio soprattutto le persone immunodepresse, le donne in gravidanza, bambini e anziani. Può provocare gastroenterite nelle persone sane che sono state gravemente infettate.

I sintomi più comuni sono febbre alta, dolori muscolari, spesso preceduti da diarrea o altri sintomi gastrointestinali. La malattia può verificarsi anche due mesi dopo l’ingestione del cibo contaminato.

A scopo cautelativo, si raccomanda di non consumare la coppa di testa con il numero di lotto segnalato e riportarla al punto vendita dove è stata acquistata.

Germana Carillo

Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook