Gli spinaci Bonduelle ritirati non contengono mandragola: rientra l’allerta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Spinaci Bonduelle, non ci sono tracce di Mandragora al loro interno. Dopo l’allarme scattato la scorsa settimana a seguito di alcuni episodi di avvelenamento, le analisi condotte dall’Agenzia di Tutela della Salute della Città Metropolitana di Milano hanno confermato che non c’è presenza di sostanze anticolinergiche all’interno del prodotto del marchio spagnolo.

Lo fa sapere la stessa Bonduelle con un comunicato ufficiale, anche se il sito del Ministero della salute riporta ancora la notizia del richiamo, con un numero maggiore di lotti rispetto al primo ritiro di cui è stata data notizia

In particolare i lotti richiamati dal Ministero erano:

Spinaci Millefoglie da 750 gr lotti: 15986504, 15986504-7222 45M63 08:29, 15986506, 15995174, 16008520 con scadenza 08/2019.

Spinaci placca 1/5 gastro da 2,5 kg Food Service lotti: 16107601, 16116303 con scadenza 08/2019.

Il richiamo era avvenuto dopo che un’intera famiglia di Milano era stata ricoverata al Fatebenefratelli dopo aver mangiato gli spinaci, presumibilmente contenenti mandragola. Così non è secondo gli esiti delle analisi condotte.

È emerso anche che la famiglia intossicata, oltre ad aver consumato, gli spinaci Millefoglie Bonduelle surgelati, aveva mangiato anche altre verdure acquistate presso un mercato rionale secondo quanto sostiene la società.

bonduelle replica

LEGGI anche:

“Siamo molto contenti dell’esito delle analisi per poter rassicurare i nostri consumatori e clienti. La loro sicurezza è per noi una priorità assoluta e la garantiamo continuamente grazie a controlli effettuati su tutta la filiera, a partire dal campo con i nostri agronomi. Confido che i consumatori capiranno che il ritiro dei nostri prodotti è stato solo un atto di responsabilità e prevenzioneha detto Gianfranco D’Amico, Amministratore Delegato di Bonduelle Italia.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook