Vongole dei veleni: scatta finalmente l’allerta europea per i molluschi tossici e inquinati del Sarno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vi abbiamo parlato più volte del problema delle vongole inquinate del Sarno che vengono pescate nel fiume campano da commercianti senza scrupoli e vendute poi, come se nulla fosse, con evidenti rischi per la salute dei consumatori. Ora sulla questione è scattata l‘allerta sanitaria europea.

Come è ormai tristemente noto, il Sarno è uno dei fiumi più inquinati d’Europa ma, nonostante il divieto, proprio qui vengono pescate vongole, poi vendute in pescherie e negozi. Gli accertamenti delle Asl locali e degli esperti dell’Istituto Zooprofilattico oltre che del Dipartimento di Sanità Pubblica della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università Federico II, hanno più volte dimostrato la pericolosità di questo cibo che può finire sulle nostre tavole senza che ci rendiamo conto della sua pericolosità.

Cosa è stato trovato nelle vongole? Altissimi livelli di metalli pesanti come piombo, cadmio e zinco oltre ad altri tipi di inquinanti (i laboratori che hanno analizzato i molluschi hanno chiesto se per caso fossero finiti in un serbatoio di benzina!). Il problema è che le vongole pescate alla foce del Sarno, pesantemente inquinate e dunque tossiche, vengono vendute comunemente insieme alle altre “pulite” e, grazie ad organizzazioni criminali che si occupano di questo commercio, inserite in una filiera sicura e tracciata.

L‘allarme lanciato dalla Capitaneria di porto di Castellammare ora si estende non solo in Italia ma anche in Europa dove questi molluschi potrebbero arrivare ed essere acquistati da ignari consumatori. È scattata quindi l’allerta sanitaria europea, utile a prevenire la commercializzazione di queste vongole.

Nonostante le decine di persone già arrestate con l’accusa di attentato alla salute pubblica e frode, il problema della vongole del Sarno non accenna a diminuire ma anzi si estende anche al di fuori del nostro paese.

Come ha dichiarato il comandante della Capitaneria di Castellammare, Ivan Savarese:

“Stiamo stringendo in una morsa tutte le attività legate alla pesca e alla commercializzazione di questi prodotti. L’allerta sanitaria estesa a tutta l’Europa è la conferma che ci troviamo di fronte a una situazione particolarmente grave gestita da persone senza scrupoli”.

Tra l’altro ormai è certo che i criminali che pescano e commerciano le vongole avvelenate sono gli stessi che hanno distrutto le rocce della penisola sorrentina per prendere i datteri di mare (sempre a scopo di lucro e senza farsi alcuno scrupolo).

Come possiamo difenderci? Al momento non è possibile per il consumatore distinguere una vongola pescata nel Sarno, e dunque tossica, da una commestibile. Non esistono infatti indicazioni da parte degli enti specializzati. Probabilmente però, a breve, potrebbero arrivare delle precisazioni da parte del Ministero della Salute o da altri enti.

Al momento, dunque, sarebbe meglio evitare di comprare vongole o affidarsi esclusivamente a pescatori e commercianti di fiducia.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook