Zuccheri contro grassi: l’esperimento di due gemelli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Due gemelli, due medici che hanno messo su qualche chilo di troppo e decidono di fare un insolito esperimento per scoprire qualcosa di più sugli effetti che ha l’alimentazione sul fisico e sulla salute. È questa la storia di Chris e Alexander Van Tulleken, che per un mese intero hanno deciso di alimentarsi, rispettivamente, senza zuccheri (carboidrati) e senza grassi per vedere l’effetto sul corpo dell’assunzione o meno di questi macronutrienti.

Nonostante siano dottori, i due gemelli di 35 anni, ammettono un po’ di ignoranza sull’argomento ‘sana alimentazione‘: “Pur essendo medici – ho anche una laurea in salute pubblica – nessuno di noi sapeva molto su come perdere peso e mangiare sano. Questi argomenti rientrano tra le crepe della scuola medica” ha dichiarato Alexander.

Per anni si è pensato che tutti i grassi facessero male e portassero al sovrappeso poi è stata la volta dei carboidrati, spesso considerati in alcuni regimi alimentari come “il male assoluto” (vedi il grande successo delle diete iperproteiche). I due gemelli hanno voluto vederci chiaro e capire davvero cosa accade nel corpo quando si assumono troppi di questi alimenti.

L’esperimento è particolarmente interessante perché il patrimonio genetico dei gemelli è identico e dunque si può vedere nel concreto l’effetto che determinati alimenti può fare a parità di condizioni all’interno di un organismo. I cambiamenti osservati, infatti, non potendosi attribuire alla genetica dovevano essere per forza dovuti alle variazioni alimentari.

Alexander ha seguito per un mese una dieta senza carboidrati e Chris invece ha seguito una dieta estremamente povera di grassi. Potevano mangiare quanto volevano e facevano entrambi uguale esercizio fisico.

fratelli sfida

Entrambe le diete erano, ovviamente, squilibrate e i problemi non hanno tardato a farsi sentire. Il gemello che mangiava senza carboidrati, aveva eliminato anche frutta e verdura e dunque era diventato stitico. Non aveva mai fame ma si sentiva lento e stanco, faceva addirittura fatica a respirare. L’altro che invece aveva escluso i grassi, non si sentiva mai sazio, doveva fare sempre degli spuntini e non godeva più del piacere del cibo non potendo utilizzare neppure un goccio di olio di oliva!

fratelli sfida2

Avevano entrambi perso peso ma la salute ne aveva risentito. Le conclusioni? “Non dobbiamo demonizzare una singola sostanza nutritiva – ha dichiarato Chris – “E ‘ troppo facile demonizzare grassi o zuccheri ma c’è la possibilità di tirarsi fuori dai guai in altri modi. Il nemico si trova proprio di fronte a noi sotto forma di alimenti trasformati”. Se si vuole perdere peso, dunque, non bisogna cadere nell’errore di evitare categorie di alimenti ma sarà molto più facile scegliere di fare a meno di alimenti trasformati a base di zuccheri e grassi che influenzano il cervello in un modo completamente diverso dagli alimenti naturali.

Se volete saperne di più potete guardare la puntata dedicata a “Sugar versus Fat”, in cui i due gemelli racconteranno la loro esperienza, domani alle 21 sul canale Two della BBC.

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook