Lo zenzero non fa sempre bene: i casi in cui è pericoloso per la tua salute

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Conosciamo ormai le innumerevoli proprietà dello zenzero, spezia preziosa e dall’inconfondibile sapore. Nonostante si tratti di un rimedio naturale, non bisogna però sottovalutare le possibili controindicazioni. Ecco allora alcune situazioni in cui non è consigliato assumerlo.

A volte non si pensa che anche consumare zenzero, soprattutto quotidianamente e ad alte dosi (ad esempio nel caso degli integratori), ci espone al rischio di controindicazioni o di trovarci alle prese con spiacevoli effetti collaterali.

Le potenti doti dello zenzero possono infatti, in alcuni casi e situazioni specifiche, ritorcersi contro di noi esponendoci a rischi per la salute. Vi consigliamo quindi sempre, prima di ricorrere sistematicamente all’uso di zenzero, di chiedere il parere al vostro medico.

Ma quando dovremmo evitare di consumare la radice di zenzero e ancor di più gli estratti e integratori a base di questa spezia?

Disturbi del sangue

Nel caso si soffra di alcune condizioni del sangue come l’emofilia (in cui la coagulazione del sangue non avviene correttamente), la capacità dello zenzero di fluidificare ulteriormente il sangue può essere pericolosa ed andare a peggiorare la propria situazione. Anche un piccolo taglio, in questi casi, può generare una grave emorragia.

Assunzione di farmaci

Un farmaco è formulato per trattare un sintomo specifico ed è progettato per funzionare in un certo modo nel corpo. I farmaci hanno, ovviamente, specifiche avvertenze e potenziali effetti collaterali. Poiché la radice di zenzero ha, a tutti gli effetti, proprietà medicinali, alcuni farmaci non sono compatibili con la sua assunzione. Chi assume farmaci quindi, per evitare qualsiasi rischio, è bene che legga con attenzione i foglietti informativi e discuta la possibilità di assumere o meno zenzero con il proprio medico. Lo zenzero è un anticoagulante naturale e riduce la pressione sanguigna, regolando anche la glicemia. Preso insieme a farmaci dalla stessa azione è estremamente pericoloso. Non deve quindi mai essere assunto con anticoagulanti, beta-bloccanti, aspirina o insulina. Qui potete trovare un elenco di farmaci che interagiscono con lo zenzero.

Gravidanza

La tisana di zenzero, o masticare un pezzetto di radice fresca, può aiutare ad alleviare la nausea e il vomito tipiche dell’inizio della gravidanza. Dopo il primo trimestre, però, la spezia dovrebbe essere assunta raramente e in dosi molto piccole (se non evitata del tutto) perché può indurre contrazioni uterine. Questo, a sua volta, può portare ad un parto prematuro o un aborto spontaneo. Nel caso si superi la data prevista del parto, invece, potrebbe essere un rimedio naturale da valutare per far partire il travaglio.

Essere sottopeso

Lo zenzero stimola la digestione e per questo è particolarmente efficace contro il mal di stomaco e altri problemi gastrointestinali. Chi è significativamente in sottopeso, è meglio che rallenti un po’ la digestione per poter assimilare il maggior numero possibile di nutrienti dal cibo che mangia, lo zenzero invece velocizza il tutto. Ci sono poi altri composti nella radice di zenzero che possono aumentare il metabolismo e promuovere la perdita di peso. Va da sé che chi è già troppo magro non beneficerà affatto di tali proprietà.

Come sostituire lo zenzero

Se ti trovi in una di queste categorie, ci sono altre spezie che puoi usare per il loro sapore o per sfruttarne le proprietà medicinali.
Per il gusto, prova a sostituirlo con la paprika (peperoni essiccati macinati) o il pepe di cayenna. La paprika si può trovare in diverse varietà, piccante o dolce. Questa contiene i vari nutrienti di un peperone peperone intero ed è molto versatile in cucina.

Con notevoli quantità di ferro, vitamine A, B6 ed E, la paprika ha molto da offrire. Inoltre, uno dei fitonutrienti antiossidanti presenti in questa spezia è la capsaicina, un agente anti-infiammatorio noto per essere attivo sul sistema digestivo.

Puoi anche provare il cardamomo, spezia dal caratteristico aroma e sapore. La sua capacità di neutralizzare l’acido, tra l’altro, ne fa un altro buon rimedio digestivo.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook