Tumore alla prostata: troppi integratori aumentano il rischio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Assumere troppi integratori alimentari di antiossidanti può aumentare il rischio di sviluppare il tumore alla prostata. Si tratta di quanto emerge da uno studio tutto italiano condotto presso l’ospedale Le Molinette di Torino.

Lo studio è stato coordinato dal professor Paolo Gontero. Gli esperti hanno evidenziato che alcune sostanze presenti negli integratori di antiossidanti, come il selenio, il licopene e i polifenoli del tè verde, favorirebbero lo sviluppo del tumore alla prostata. Lo studio in questione è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Prostate.

Le stesse sostanze fino a questo momento erano state considerate protettive e utili per prevenire proprio la comparsa di questo tumore. In questo studio i ricercatori hanno coinvolto pazienti che soffrivano di una malattia pre-tumorale alla prostata considerati ad alto rischio di sviluppare il tumore vero e proprio.

I pazienti sono stati suddivisi in due gruppi. Al primo gruppo sono state somministrate per 6 mesi pillole ad elevato contenuto di licopene, selenio e polifenoli. Il secondo gruppo di pazienti invece ha assunto delle pillole placebo.

Probabilmente i ricercatori si aspettavano che polifenoli, selenio e licopene potessero avere un’azione positiva sulla prevenzione del tumore alla prostata, invece i risultati si sono rivelati molto diversi.

Infatti i pazienti che avevano assunto le pillole ricche di antiossidanti sono stati interessati dalla comparsa di geni anomali analoghi a quelli presenti nel tumore alla prostata vero e proprio.

I ricercatori si chiedono dunque se l’aumento del numero dei tumori alla prostata possa essere dovuto ad un incremento eccessivo dell’assunzione di antiossidanti. Gli esperti si preoccupano proprio di questo eccesso ma tengono a sottolineare che alimentazione sana e antiossidanti continuano ad essere considerati un fattore importante per la prevenzione dei tumori in generale.

Saranno necessari ulteriori studi per comprendere come mai alcuni antiossidanti e altre sostanze, come la vitamina E, che normalmente vengono considerate salutari, possano invece essere correlate all’aumento dei tumori alla prostata.

Marta Albè

Fonte foto: C-hit

Leggi anche:

Tumore alla prostata: i cani lo annusano dall’urina, il successo della sperimentazione italiana
Tumore alla prostata: si previene con ortaggi gialli e verdi
Pomodori: efficaci anche contro il tumore alla prostata

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook