@ grandbrothers /123rf

Cosa succede al tuo corpo se mangi troppo tonno in scatola

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Aprire una scatoletta di tonno per molti è una scelta pratica che consente di rifornirsi di proteine a basso costo e senza dover cucinare. Ma cosa succede al corpo se mangiamo troppo tonno in scatola? C’è un effetto collaterale da considerare, che dovrebbe spingerci a limitare al minimo il consumo di questo alimento (se non ad evitarlo del tutto). A svelarlo alcune ricerche scientifiche.

Uno dei principali svantaggi di mangiare spesso tonno in scatola è la presenza all’interno di questo pesce di mercurio. A seconda di quanto e, soprattutto, del tipo di tonno che si mangia, è possibile assumere una quantità più o meno elevata di questa sostanza, il che porta a potenziali rischi per la salute.

Il consumo di pesce e crostacei rappresenta oltre il 90% dell’esposizione umana al mercurio negli Stati Uniti e il tonno pescato nell’Oceano Pacifico rappresenta il 40% di questa esposizione totale, secondo uno studio pubblicato su Environmental Health Perspectives.

Il mercurio, che arriva nell’ambiente a causa di vari tipi di attività produttive, si deposita in laghi, fiumi e oceani. Da qui poi ovviamente entra nel ciclo vitale degli organismi acquatici. Ma il mercurio negli oceani è anche un prodotto della decomposizione del carbonio organico naturale, secondo quanto riportano gli scienziati sulla rivista Global Biological Cycles.

Quando il mercurio entra nell’acqua, in entrambi i casi, i microrganismi lo trasformano in una forma altamente tossica chiamata metilmercurio che si accumula nella carne del pesce che mangiamo. Il metilmercurio si accumula in particolare nei predatori più grandi, motivo per cui i pesci di dimensioni maggiori, come appunto il tonno, sono più rischiosi da mangiare rispetto, ad esempio, alle sardine.  

I pesci dunque hanno livelli di mercurio differenti. Il tonno in scatola ha livelli relativamente alti di mercurio, quindi il suo consumo potrebbe potenzialmente diventare dannoso al di sopra delle tre porzioni a settimana.

Secondo i dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), quasi tutti hanno una piccola quantità di metilmercurio nel sangue (al di sotto però dei livelli che possono scatenare effetti sulla salute). Ma il metilmercurio è una potente neurotossina, quindi mangiare troppo pesce può di fatto provocare avvelenamento da mercurio.

I sintomi includono prurito o sensazione di formicolio alle dita di piedi e mani, debolezza muscolare, problemi di coordinazione, disturbi del linguaggio e dell’udito e visione periferica ridotta.

C’è da sottolineare poi che alti livelli di mercurio nelle donne in gravidanza sono estremamente pericolosi e possono causare disturbi del sistema nervoso centrale nei loro bambini.

Come limitare i rischi del mercurio nel pesce

La Food & Drug Administration e l’Environmental Protection Agency raccomandano che le donne e i bambini (oltre i 10 anni) mangino da due a tre porzioni di pesce e crostacei ogni settimana, da scegliere tra quelli a basso contenuto di mercurio.

Per facilitare la scelta hanno creato una tabella che mostra 60 diversi tipi di pesce designandoli come “scelte migliori” (da mangiare 2 o 3 volte a settimana), “scelte buone” (mangiare 1 porzione a settimana) o “scelte da evitare” (evidenziando i pesci che contengono i livelli più alti di mercurio).

pesci mercurio fda

@fda

L’Environmental Working Group afferma però che tali linee guida possono mettere a rischio le donne. In uno studio, l’EWG ha reclutato 254 donne in età fertile da tutti gli Stati Uniti. Queste hanno riferito di mangiare tanto o più pesce come suggerito dal governo. I ricercatori hanno testato poi campioni dei loro capelli, considerando che è proprio lì che il mercurio si accumula e riflette il quantitativo di questo metallo nel corpo.

I risultati hanno mostrato che quasi il 30% delle donne aveva oltre il limite di sicurezza del mercurio dell’EPA e quasi il 60% aveva più mercurio di un limite più severo fissato da due istituzioni europee. L’EWG ritiene che includere il tonno light in scatola nella categoria “scelte migliori” “a basso contenuto di mercurio” sia sbagliato poiché questa “è una fonte significativa di mercurio nella dieta delle donne”, afferma.  

La presenza di mercurio non è poi certo l’unico buon motivo per limitare il consumo di tonno.  (Leggi anche: 6 buoni motivi per scegliere di non mangiare tonno).

Se comunque consumate tonno, ricordate di non fare mai questo errore.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook