Scoperto il “super pisello” rugoso, in grado di ridurre il rischio di diabete

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un tipo di pisello dall’aspetto rugoso potrebbe aiutare a controllare i livelli di zucchero nel sangue e ridurre il rischio di diabete. Secondo una nuova ricerca, infatti, i piselli rugosi prevengono i “picchi di zucchero” nel sangue dopo un pasto e ciò potrebbe aiutare ad affrontare il diabete di tipo 2, considerato una vera e propria epidemia globale.

È ciò che emerge da un nuovo studio condotto dagli scienziati dell’Imperial College di Londra, del John Innes Centre, del Quadram Institute Bioscience e dell’Università di Glasgow e pubblicato sulla rivista Nature Food e che si è concentrato su una tipologia di piselli presente in natura. A differenza dei piselli più noti (lisci), conterrebbero quantità maggiori di “amido resistente”, che impiega più tempo a degradarsi.

Lo studio rivela che, rispetto al consumo di piselli lisci, i piselli rugosi prevengono i “picchi di zucchero”, nel momento in cui i suoi livelli aumentano bruscamente dopo un pasto. Lo stesso effetto è stato riscontrato consumando farina a base di piselli rugosi incorporata in un pasto misto.

Secondo i ricercatori, questo potrebbe essere importante dal momento che si ritiene che frequenti picchi di zucchero aumentino il rischio di diabete e aggiungono che la farina dei “super piselli” potrebbe essere utilizzata negli alimenti trasformati di consumo comune che, se usati a lungo termine, potrebbero prevenire quegli stessi picchi di zucchero.

Nonostante le campagne nazionali per promuovere un’alimentazione sana, i tassi di diagnosi del diabete di tipo 2 continuano a salire – dice Katerina Petropoulou, prima autrice della ricerca. Una strategia dietetica alternativa per mantenere i normali tassi di glucosio nel sangue tra la popolazione consiste nel migliorare la composizione degli alimenti comunemente consumati. Ci sono molte prove che le diete ricche di un tipo di carboidrato chiamato amido resistente hanno un impatto positivo sul controllo dei livelli di glucosio nel sangue e quindi riducono la suscettibilità al diabete di tipo 2”.

Che cos’è il super pisello?

Per lo studio, i ricercatori hanno utilizzato piselli “super” rugosi con una variante genetica naturale. Questa variante produce una maggiore quantità di amido resistente, ma un contenuto complessivo di carboidrati inferiore.

Il super pisello contiene una variante genetica naturale che significa che sono ricchi di amidi resistenti – ha detto l’autore principale dello studio, il professor Gary Frost dell’Imperial. Questi amidi non vengono completamente digeriti nelle parti superiori del tubo digerente e sono disponibili per la fermentazione da parte dei batteri nel colon”.

Quelli utilizzati nella ricerca sono simili ai piselli surgelati che possiamo acquistare al supermercato. Sono anche gli stessi usati dal famoso scienziato Gregor Mendel nell’Ottocento, per mostrare come i tratti genetici dominanti e recessivi possano essere trasmessi attraverso l’allevamento selettivo. Tuttavia, in questi ultimi esperimenti, i ricercatori hanno utilizzato versioni più grandi e mature di quelle che generalmente si trovano. Questo perché i piselli più grandi e maturi contengono in maggior quantità propri gli “amidi resistenti”.

L’elevata quantità di amido resistente è dovuta al modo in cui l’amido stesso viene prodotto nella cellula e al fatto che le cellule stesse sono più resistenti alla digestione. L’amido è un elemento complesso che il corpo scompone per rilasciare zucchero, ma l’amido resistente viene scomposto più lentamente. In questo modo lo zucchero viene rilasciato con maggiore lentezza nel flusso sanguigno, determinando un aumento più stabile piuttosto che un picco.

Nel corso di una serie di esperimenti, il team ha fornito a volontari sani un pasto misto che includeva 50 grammi di piselli rugosi e in una serie di esperimenti di controllo ha dato loro piselli “lisci” regolari. In collaborazione con l’Università di Glasgow, i ricercatori hanno anche aggiunto una molecola tracciante ai piselli, in modo che potessero tracciare il modo in cui sono stati assorbiti e digeriti dal tratto gastrointestinale umano.

Hanno ripetuto gli esperimenti utilizzando farina di piselli rugosi o piselli di controllo e per indagare ulteriormente sull’impatto del consumo a lungo termine hanno reclutato 25 volontari e hanno chiesto loro di consumare hummus di piselli e piselli molli (a base di piselli rugosi o di controllo) per un periodo di 4 settimane.

Rispetto al consumo di piselli lisci, i piselli rugosi prevenivano i picchi di zucchero se consumati interi o sotto forma di farina incorporata in un pasto misto.

Ulteriori test che hanno utilizzato una mimica dell’intestino umano hanno mostrato che il modo in cui i piselli venivano preparati e cotti influiva sulla rapidità con cui venivano digeriti.

Questo studio ci ha dimostrato che preparando questi piselli in certi modi possiamo ridurre ulteriormente i picchi di zucchero nel sangue, aprendo nuove possibilità per produrre cibi più sani utilizzando tecniche di trasformazione alimentare controllata”, ha detto un autore dello studio, il professor Pete Wilde del Quadram Institute di Norfolk.

I ricercatori hanno anche dimostrato che c’erano vantaggi significativi per il microbiota intestinale – le comunità di microrganismi nel nostro tratto digestivo – a causa del processo di fermentazione che lì si svolgeva.

In programma, concludono i volontari, ci saranno ulteriori ricerche che coinvolgeranno volontari con diabete di tipo 2 in stadio iniziale.

Fonti: Nature Food / Imperial College London

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook