Sindrome premestruale? Prova questi 5 cibi vegetali per alleviare i dolori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo diversi studi scientifici 5 cibi di origine vegetale possono aiutare le donne ad alleviare i forti dolori e i sintomi della sindrome premestruale

Tante donne ogni mese combattono con i fastidiosi sintomi della sindrome premestruale. Esiste però un sistema molto semplice per cercare di alleviarli: inserire nella propria dieta alcuni cibi vegetali.

Chi avverte disagio, dolore o gonfiore in prossimità del ciclo spesso è alla ricerca di cibi zuccherini o, più in generale, del cosiddetto “comfort food“. In realtà, per alleviare i sintomi, sarebbe bene consumare cibi sani e di origine vegetale. (Leggi anche: Soffri di sindrome premestruale? Prova con l’anice verde per alleviare i sintomi)

Esercizio quotidiano, cambiamenti nella dieta e in generale stile di vita sano sono le chiavi per superare, nella maggior parte dei casi, i sintomi legati all’arrivo del ciclo. Consigli sempre validi sono  ridurre il sodio (che può contribuire a causare maggiore ritenzione idrica e gonfiore) ed eliminare il consumo di alcool, che può aggravare i sintomi tipici della sindrome premestruale.

Ma quali sono gli alimenti vegetali che studi scientifici hanno dimostrato essere utili in caso di sindrome premestruale?

Alimenti a base di soia

Alimenti a base di soia come il tofu e l’edamame, sono ricchi di calcio, un minerale essenziale per diverse funzioni del nostro organismo. Uno studio del 2019 pubblicato su Obstetrics & Gynecology Science ha rilevato che bassi livelli di calcio peggiorano i sintomi della sindrome premestruale, suggerendo dunque che una dieta ricca di questo minerale può ridurre o addirittura eliminare i fastidiosi sintomi.

I funghi

I funghi sono una delle poche buone fonti vegetali di vitamina D, una vitamina liposolubile essenziale per la salute delle ossa. Uno studio ha evidenziato che quando alcune varietà di funghi, come ad esempio gli champignon freschi, sono esposti alla luce solare di mezzogiorno, generano quantità significative di vitamina D2.

La vitamina D è una sostanza particolarmente utile a ridurre i sintomi della sindrome premestruale, secondo un studio pubblicato su Gynecological Endocrinology. La ricerca ha mostrato come l’integrazione di vitamina D sia associata a una riduzione di diversi sintomi legati alla comparsa del ciclo tra cui mal di schiena e crampi dolorosi.

Cioccolato fondente

Tra gli alimenti consigliati vi è anche il cioccolato fondente che, ricco di flavonoidi, aiuta a migliorare l’umore, spesso basso in chi soffre di sindrome premestruale. Gli antiossidanti che si trovano nel cioccolato aiutano inoltre a proteggere il corpo dalle tossine e dai fattori di stress.

Uno studio del 2017, pubblicato su Frontiers in Nutrition, ha trovato un legame tra i flavonoidi presenti nel cacao e migliori condizioni cognitive, dell’attenzione, della velocità di elaborazione e della memoria, tutti fattori collegati alla regolazione dell’umore.

Il cioccolato da prediligere è quello con almeno il 70% di cacao, in quanto maggiormente ricco di flavonoidi e a basso contenuto di zuccheri e grassi.

Frutta secca e semi

Ottimi alleati per contrastare i sintomi premestruali sono anche i grassi sani che contengono noci, frutta secca e semi. Si tratta degli acidi grassi Omega-3, utili sia al cervello che al resto del corpo.  Uno studio del 2017, pubblicato sullo Scholars Academic Journal of Pharmacy (SAJP), ha scoperto che gli acidi grassi omega-3 portano un certo sollievo dalla sindrome premestruale. I risultati hanno suggerito che questi grassi buoni possono portare a un miglioramento della funzione dell’utero, producendo prostaglandine antinfiammatorie e sopprimendo le prostaglandine infiammatorie.

Frutti di bosco

Lo stress ossidativo è collegato ai sintomi premestruali e mestruali, secondo uno studio del 2020 sul Journal of Psychosomatic Research. I frutti di bosco sono estremamente utili per le donne che soffrono di sindrome premestruale poiché sono pieni di antiossidanti che possono aiutare a ridurre lo stress ossidativo. Aiutano anche a controllare i radicali liberi, molecole instabili che possono causare danni all’organismo.

Questi frutti contengono polifenoli, che hanno dimostrato di aiutare nella gestione del peso, dell’indigestione e persino di migliorare l’umore, fornendo sollievo alla sindrome premestruale. I mirtilli, le more e le fragoline di bosco hanno il maggior numero di polifenoli tra tutti i frutti di bosco, sarebbero quindi da prediligere, quando di stagione, per degli spuntini sani.

Provare a vedere se effettivamente questi cibi possano aiutare in caso soffriate di sindrome premestruale non costa molto e, soprattutto nel caso del cioccolato e dei frutti di bosco, è anche estremamente piacevole. Fate un tentativo!

Fonti: Obstetrics & Gynecology Science / Gynecological Endocrinology / Frontiers in Nutrition / SAJP /Journal of Psychosomatic Research

Sulla sindrome premestruale ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook