Semi di canapa: proprietà, usi e i benefici che non ti aspetti di mangiarne una manciatina al giorno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Scopri le proprietà e i tantissimi benefici dei semi di canapa, come aggiungerli alla dieta e dove trovare questi piccoli concentrati di salute

Il ricco profilo nutrizionale dei semi di canapa è ormai riconosciuto anche dalla scienza. Questi piccoli concentrati di salute rappresentano un superfood e un alimento naturale selezionato a partire da speciali sementi autorizzate di Canapa Sativa alimentare, privi degli effetti psicotropi del THC

Proprietà dei semi di canapa

Dall’alto valore nutrizionale, i semi di canapa sono, infatti considerati un alimento completo dal punto di vista del contenuto di aminoacidi (a differenza di cereali e legumi ), benefico per il loro apporto di vitamine e di minerali all’interno dell’alimentazione umana. Ricchi di proteine, quindi, ma anche fibre e acidi grassi come omega-3 e omega-6, questi semi marroni hanno effetti antiossidanti e possono ridurre i sintomi di numerosi disturbi, migliorando così la salute del cuore, delle articolazioni e della pelle. Per via del loro particolare contenuto nutrizionale, o semi di canapa sono un alimento adatto alla prevenzione di colesterolo alto, asma, sinusite, artrosi, tracheite e malattie legate all’apparato cardiocircolatorio. Sono inoltre considerati come un alimento adatto a proteggere ghiandole, muscoli e sistema nervoso.Scopriamo in dettaglio, tutte le nutrizionali e i benefici confermati dalla scienza.

Fonti complete di proteine

I semi di canapa sono composti per un quarto da elementi proteici, in una combinazione unica rispetto a gran parte degli alimenti vegetali. Essi contengono infatti tutti gli aminoacidi essenziali per la sintesi delle proteine. Gli aminoacidi rappresentano gli elementi a partire dai quali il nostro organismo è in grado di produrre le proteine necessarie al proprio funzionamento. Per questo motivo, i semi di canapa sono considerati come un alimento completo dal punto di vista proteico. Gli 8 aminoacidi essenziali che essi contengono sono: leucina, isoleucina, fenilalanina, lisina, metionina, treonina, triptofano e valina. Pochissimi alimenti di origine vegetale (come ad esempio la quinoa)  possono vantare tali caratteristiche, rendendo i semi di canapa un’ottimo alimento da introdurre giornalmente anche nelle diete vegetariane e vegane. Si pensi che contengono quasi la stessa quantità di proteine dei seimi di soia:

  • In 30 gr di semi (la manciatina consigliata che corrisponde a circa 3 cucchiai) ci sono quasi 10 gr di proteine

Fonti di grassi polinsaturi nella giusta proporzione tra omega 3 e omega 6 

I semi di canapa sono una grande fonte di “grassi buoni”, ma privi di grassi trans e a basso contenuto di grassi saturi. La loro frazione lipidica contiene circa per il 75% acidi grassi polinsaturi essenziali, come l’acido llinolenico, linoleico e alfa-linoleico (ALA) che sono omega 3.  Il corpo non può produrre acidi grassi essenziali e deve per forza assorbirli dalla dieta nel giusto rapporto tra omega-3 e omega-6.  Si tratta di acidi grassi polinsaturi considerati essenziali per il funzionamento dei muscoli, dei recettori nervosi e di numerose ghiandole presenti nel nostro organismo. Nei semi di canapa, gli acidi grassi omega3 ed omega6 sono presenti secondo un rapporto proporzionale ritenuto ottimale e utile per la regolazione delle attività metaboliche dell’organismo. In generale, le persone tendono a mangiare troppi omega-6 e troppo pochi omega-3, ma l’aggiunta di semi di canapa alla dieta può aiutare a promuovere un equilibrio. Secondo i risultati di uno studio sugli animali del 2015 , l’incorporazione di semi di canapa e olio di semi di canapa nella dieta delle galline ha portato a uova con maggiori livelli di omega-3 nei tuorli e un rapporto omega-3 e omega-6 più salutare.

Fonti di fibre per ridurre la fame

Se consumati con la loro “buccia” marrone, i semi di canapa sono una fonte divina di fibre. Tre cucchiai (la manciatina) ne contengono circa 1,2 gr, contenuti per la maggior parte negli scafi esterni, ma anche nel seme stesso. Consumare abbastanza fibre ogni giorno permette di:

  • stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue;
  • ridurre la fame e aumentare il senso di sazietà
  • aiutare nella gestione del peso

Vitamine e sali minerali

Non è da sottovalutare il contenuto vitaminico e oligominerale impressionante dei semi di canapa, che vede, in particolare, la presenza di vitamina E, adatta a svolgere una importante azione antiossidante, oltre che di sali minerali, come:

  • potassio
  • magnesio,
  • fosforo
  • calcio. 

Sono inoltre una buona fonte di ferro, zinco e vitamine del gruppo B come:

  • vitamina B-6
  • Folato
  • tiamina
  • niacina
  • riboflavina

Valori nutrizionali dei semi di canapa

Ricapitolando, trenta grammi di semi di canapa, corrispondenti a circa 30 grammi, contengono

  • Proteine    9,47 g
  • Carboidrati  2,60 g
  • Acidi grassi totali  14,62 g
    – Acidi grassi monoinsaturi 1,62 g
    – Grassi polinsaturi 11,43 g
    – Acidi grassi saturi 1,38 g

I semi di canapa sono anche una fonte salutare di vitamina E e minerali, come calcio , ferro, magnesio, potassio e zinco.

Benefici confermati dei semi di canapa

Oltre ai benefici nutrizionali, alcune ricerche hanno evidenziato come i semi di canapa abbiamo una vasta gamma di effetti positivi sulla salute. In particolare:

Migliorano la salute del cuore e dell’apparato cardiovascolare

E’ stato ampiamente dimostrato che l’elevato contenuto di omega-3 migliori la salute del cuore e riduca il rischio di aritmie e malattie cardiovascolari. I semi di canapa contengono, inoltre, alti livelli di arginina, un amminoacido che si trasforma in ossido nitrico, essenziale per la dilatazione delle arterie e delle vene, che aiuta a mantenere elastiche le pareti dei vasi sanguigni oltre che ridurre la pressione sanguigna

Proteggono il cervello

Gli effetti antiossidanti dei semi si canapa e dei germogli sono stati confermati da uno studio del 2018 che suggerisce come, grazie al CBD contenuto nei semi, questi possoano avere effetti neuroprotettivi, antinfiammatori e aiutare il sistema immunitario, anche in condizioni neurologiche compromesse come:

  • morbo di Alzheimer
  • morbo di Parkinson
  • sclerosi multipla
  • dolore neuropatico

Ridurre l’infiammazione

Il giusto e salutare rapporto tra grassi omega 3 e omega 6 dei semi di canapa può aiutare a ridurre l’infiammazione, anche grazie agli alti conentuti di acido gamma linoelico (GLA) che, come dimostrato in alcuni studi sugli animali, può agire come un potente antinfiammatorio anche se non è confermata tale azione sugli esseri umani. Ridurre l’infiammazione nel corpo può aiutare a gestire i sintomi delle malattie croniche come, solo per citarne alcune, artitre, diabete e cardiopati

Allevia l’artrite reumatoide

L’artrite reumatoide è una malattia cronica di origine autoimmune che colpisce in primo luogo le articolazioni. Fa sì che il sistema immunitario attacchi i propri tessuti, il che porta all’infiammazione delle articolazioni. Una ricerca del 2014 condotta sulle cellule umane ha suggerito che l’olio di semi di canapa ha effetti antireumatici. 

Migliora la pelle

L’alto contenuto di omega 3 nei semi di canapa fungerebbe da protettore contro l’acne che, tra le altre cause potrebbe essere scatenata proprio da una carenza di questi acidi grassi. Ma l’alto potere antinfiammatorio dei semi di canapa potrebbe aiutare anche in caso di dermatite atopica (AD) scatenata proprio da infiammazioni croniche. Uno studio del 2018 ha esplorato gli effetti dei cambiamenti nella dieta sulle malattie della pelle. Mentre gli autori hanno trovato prove che mangiare più omega-3 può migliorare i sintomi dell’acne, determinare l’entità degli effetti richiederà ulteriori ricerche, ma gli stessi autori notano come anche che i prebiotici e le fibre vegetali di cui i semi di canapa sono ricchi possono aiutare a gestire i sintomi della dermatite atopica

Come usare i semi di canapa e introdurli nella dieta

semi di canapa

I semi di canapa possono essere consumati crudi e considerati come una sorta di integratore alimentare di origine completamente naturale. Il loro utilizzo più semplice ne prevede l’aggiunta come condimento o ingrediente vero e proprio a piatti come insalate, macedonie e muesli per la colazione o la merenda. Possono essere inoltre utilizzati nella decorazione dei dessert, nella preparazione del pane, dei grissini o di altre pietanze calde, tenendo conto però che il loro valore nutrizionale viene mantenuto intatto soltanto quando essi sono crudi. A crudo possono inoltre essere utilizzati come ingrediente aggiuntivo nella preparazione dei frullati. (Leggi anche: Semi di canapa: come usarli per valorizzarne i benefici)

Vi sono ulteriori impieghi che riguardano i semi di canapa. Essi vengono infatti macinati finemente per ottenere la relativa farina, vengono utilizzati nella preparazione di latte di semi di canapa, ma anche del tofu di canapa, una variante del tofu classico, a base di fagioli di soia gialla, oltre che di seitan ai semi di canapa.

I semi di canapa vengono inoltre utilizzati nella preparazione dell’olio di canapa. Si tratta di una tipologia di olio da utilizzare a crudo nel condimento delle pietanze. L’olio di semi di canapa mantiene le proprietà dei semi stessi, risultando altrettanto ricco di acidi grassi essenziali. L’olio di semi di canapa viene spremuto a freddo affinché le sue proprietà non vadano perdute. Esso viene utilizzato in ambito alimentare e risulta molto gradevole grazie al suo sapore di nocciola, proprio dei semi di canapa stessi, ma può essere impiegato anche in ambito cosmetico, per il nutrimento della pelle e per effettuare dei massaggi.

Dove trovare i semi di canapa

È possibile reperire in commercio semi di canapa di origine biologica sia integrali che decorticati. I semi di canapa possono essere acquistati nelle erboristerie, nei negozi di prodotti biologici, di alimentazione naturale, oppure online. Dato il loro successo, ultimamente si possono reperire anche negli scaffali dei supermercati. I semi di canapa in vendita in Italia sono selezionati da specie di Canapa Sativa adatte all’alimentazione umana. Attraverso i medesimi canali di vendita, è possibile reperire in commercio dell’olio di semi di canapa biologico e spremuto a freddo. Si può trovare facilmente online; noi suggeriamo questi:

Amazon: olio di semi di canapa biologico immagine 

È possibile acquistare semi di maria online anche al fine di avviare una piccola coltivazione. Si ricorda che per la legge italiana il seme è legale e venduto per uso collezionistico mentre il fiore sarebbe illegale se contenesse percentuali di THC superiori allo 0,2%.

È inoltre possibile trovare in vendita del tofu di canapa, con il nome di Hemp-Fu, oltre che una bevanda a base di semi di canapa, chiamata Hemp Drink.

Sia i semi di canapa che l’olio di canapa dovrebbero essere conservati in frigorifero per preservarne le proprietà nutritive e per evitarne l’irrancidimento.

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook