Il ritorno dello scorbuto: tutta colpa del cibo spazzatura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lo scorbuto (carenza di vitamina C), una malattia che prima decimava i marinai, sta tornando a diffondersi nei paesi ricchi a causa della scarsa presenza di frutta e verdura nell’alimentazione. A confermarlo è stato un nuovo studio condotto da un team di ricerca dell‘università di Sydney, guidato dal prof. Jenny Gunton.

La ricerca ha preso in esame 11 casi di scorbuto apparso in pazienti diabetici la cui dieta era molto povera di frutta e verdura. L’essere umano condivide con alcuni mammiferi il triste privilegio di non essere in grado di produrre e conservare la vitamina C o acido ascorbico. Colpa di una mutazione genetica avvenuta 40 milioni di anni fa.

Lo scorbuto. Questa malattia si presenta con gonfiore e sanguinamento delle gengive, sensibilità delle articolazioni e dei muscoli, pelle ruvida, secca e incolore, scarsa capacità di rimarginazione delle ferite. Ciò avviene perché la vitamina C viene a mancare e con essa la capacità di formazione del collagene, di garantire l’integrità del tessuto connettivo, del tessuto osseo e di guarigione delle ferite.

Si legge nel documento pubblicato su Diabetic Medicine:

“Purtroppo è possibile che le persone che non mangiano frutta e verdura fresca sviluppino la carenza di vitamina C, anche in presenza di sovrappeso o obesità” spiegano i ricercatori australiani.

LEGGI anche: LA VITAMINA C FA BENE COME CAMMINARE

Un altro studio francese, condotto dal centro ospedaliero universitario di Limoges, ha confermato che bastano appena 3 mesi di carenza di vitamina C per sviluppare la malattia. Allo stesso tempo basta intervenire per tempo introducendo questa preziosa sostanza per riscontrare notevoli miglioramenti in pochi giorni.

LEGGI anche: VITAMINA C CONTRO IL RAFFREDDORE: GLI ALIMENTI CHE NE SONO PIÙ RICCHI

Nello studio francese, diretto da Simon Parreau, su 63 pazienti con carenza di vitamina C ben 10 erano affetti da scorbuto. E di certo non erano marinai.

“Inizialmente ci è stato chiesto di esprimerci in merito al caso di una giovane donna che non aveva il profilo di un paziente affetto da scorbuto. Aveva un sanguinamento inspiegabile ed ecchimosi. Alla base vi era in realtà una dieta totalmente squilibrata, basata principalmente sui fast food” ha detto il dott. Parreau.

Junk food nemici giurati non solo della linea ma anche della nostra salute.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook