Sale: la riduzione del 15% in UK ha portato un -40% di decessi per malattie cardiache

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Consumiamo molto, troppo sale. Un condimento che rende più saporiti i nostri piatti ma che allo stesso tempo, se consumato in quantità esagerate, ha sul nostro organismo un effetto dannoso. In Inghilterra, grazie ad alcune campagne governative e non, sono riusciti a ridurre del 15% il consumo medio di sale e ciò ha portato come conseguenza benefica una riduzione del 40% di decessi per malattie cardiache.

Ad arrivare alla conclusione che tra i due fenomeni ci sia una correlazione è stata una ricerca portata avanti dalla Queen Mary University (Londra) e pubblicata sul British Medical Journal. Lo studio ha analizzato un campione di oltre 31mila persone che avevano partecipato negli anni 2003-2011 all’Health Survey for England, una serie di indagini annuali sullo stato di salute delle persone che vivono in Inghilterra.

I ricercatori sono convinti che il più grande contributo alla diminuzione dei decessi è stata la diminuzione della pressione sanguigna, dovuta al minore consumo di sale anche se nello stesso periodo di tempo si è notata una diminuzione di altri fattori di rischio come il colestrerolo e il fumo a beneficio di un consumo maggiore di verdura e frutta.

«Alla luce di questi risultati possiamo dire che ridurre i livelli di sale alimentare ha avuto un ruolo importante nella caduta della pressione arteriosa, e probabilmente anche nella riduzione di ictus e cardiopatie ischemiche verificatasi nel contempo» ha dichiarato in un articolo Feng He, autore dello studio.

Nonostante la riduzione evidenziata, il lavoro di informazione sui danni del consumo eccessivo di sale e l’opera di convincimento sulle ditte produttrici affinche riducano il sale presente negli alimenti confezionati non è ancora terminato. Ci sono infatti ancora troppe persone (il 70% degli adulti inglesi) che ogni giorno superano i 6 grammi di sale (troppo secondo gli esperti) e, tra l’altro, l’80% di questa sostanza viene introdotta non troppo coscientemente, dato che si trova nascosta nei più comuni cibi trasformati.

Il vero problema sul quale è necessario agire è proprio questo: la maggior parte degli alimenti confezionati che consumiamo contiene sale che si va ad aggiungere al quantitativo che già utilizziamo per condire pasta, verdura, ecc. Un altro motivo per ridurre sempre più il consumo di alimenti confezionati prediligendo invece i prodotti freschi.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– Sale: i 6 alimenti insospettabili da evitare con la pressione alta

– Sale Himalayano: tutta la verita’ sul sale rosa dell’Himalaya

Ipertensione: ecco perché il sale fa aumentare la pressione

Gomasio: dalla cucina giapponese un’ottima alternativa al sale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook