Le proteine della soia tendono ad abbassare il testosterone negli uomini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sulla soia si discute ancora molto, al di là del suo essere o meno OGM, questo alimento fa bene, fa male, va consumato con moderazione? Uno studio dell’Università del Connecticut ci fornisce una indicazione in più: la soia sarebbe da evitare in particolare per gli uomini sportivi che utilizzano le proteine di questo legume come integratore in quanto inibirebbe il testosterone.

I ricercatori americani hanno analizzato gli effetti delle proteine della soia confrontate con il siero di latte su livelli di testosterone e cortisolo, in seguito ad un allenamento in palestra. Quello che si è visto è che assumere soia riduceva i livelli di testosterone e aumentava invece quelli di cortisolo. Una combinazione pericolosa che può far emergere malattie alla tiroide, disturbi del sonno, diminuzione delle capacità sessuali e problemi riproduttivi oltre che il fenomeno della “femminilizzazione” ovvero la comparsa di caratteristiche femminili come l’aumento del seno.

La ricerca in realtà si è svolta su un campione molto piccolo: 10 volontari di età media 20 anni che si allenavano abitualmente con i pesi. Questi sono stati divisi in tre gruppi: al primo veniva fatto assumere un integratore di proteine del siero di latte isolate, al secondo proteine della soia isolate e al terzo gruppo un placebo. Nessuno poteva assumere altri integratori e sono stati eliminati dall’esperimento vegetariani, vegani o chi seguiva diete iperproteiche.

Per due settimane i partecipanti hanno assunto 20 grammi del supplemento loro assegnato ogni mattina alla stessa ora. Dopo ciascuno doveva compiere alcuni esercizi di sollevamento pesi particolarmente impegnativi. Alla fine del periodo di 14 giorni i ricercatori hanno raccolto i dati che riguardavano gli ormoni di tutti i partecipanti e infine fatto un confronto.

Si è visto così che chi aveva assunto le proteine della soia dopo due settimane aveva livelli di testosterone sierico più bassi: “Il testosterone potrebbe sembrare solo una cosa da “macho”, ma è un ormone fondamentale per la crescita, la riparazione, la formazione dei globuli rossi, una buon sonno e la funzione immunitaria, oltre alle funzioni sessuale” hanno sottolineato i ricercatori.

Questo effetto negativo sul testosterone sarà riscontrabile anche con un consumo moderato di soia alimentare? Attendiamo nuovi studi che chiariscano meglio e più approfonditamente la questione!

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– Le ragioni scientifiche per non abusare di alcuni cibi: 1. La soia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook